Tomb Raider III: “La profanatrice di tombe” sul grande schermo

0
245

L’eroina più amata dal mondo arcade è tornata nelle sale cinematografiche a partire dal 15 marzo 2018. In un prodotto della Warner Bros, un lungometraggio diretto da Roar Uthaug, con Alicia Vikander e Dominic West.

La trama del film

Alicia Vikander, veste i panni di una giovane Lara Croft, 21enne figlia di un avventuriero, che come la maggior parte delle ragazze della sua età, non sa ancora cosa fare del proprio futuro. Tra una lezione e l’altra all’università e un lavoro che le consente a malapena di pagare l’affitto, la giovane conduce la sua vita a Londra condividendo l’appartamento con un’amica. La giovane Lara che ritroviamo nel film non ha di certo i modi di fare del personaggio maturo: appare incerta, empatica, inesperiente. Porta con sé il peso di un problema irrisolto dato dalla scomparsa del padre, partito in missione e mai più ritornato. Sette anni di silenzio, che non daranno pace alla giovane, che deciderà di intraprendere un viaggio alla ricerca dell’uomo. Un viaggio che le permetterà di capire chi sia e conquistare il nome di Tomb Raider.

Il personaggio Tomb Raider

Dopo Lara Croft: Tomb Raider (2001) e Tomb Raider: La culla della vita (2003), il film in uscita per questo 2018 è il terzo lungometraggio che ha come protagonista la giovane Lara Croft. I primi due, non rappresentano sicuramente dei grandi successi: mentre il primo entrò appena in pari coi costi  di produzione, il secondo addirittura registra un discreto flop. Il personaggio portato in vita dalla bravissima Alicia Vikander rappresenta un rinnovamento d’immagine del Lara Croft, che in entrambi i film precedenti è stato interpretato dall’attrice Angelina Jolie.

Un rinnovo azzardato ma indispensabile

Evidente il distacco netto dalla precedente incarnazione di Lara Croft. Una rinascita che rende più umana e verosimile l’eroina arcade. Prendendo spunto dal reboot del franchise videoludico del 2013, la nuova Lara è una ragazza comune, inizialmente difficile da immaginare sospesa tra ponti o immersa nella giungla. L’attrice Vikander passando da modella per Louis Vuitton a eroina avventuriera ha reso possibile il miracolo calandosi perfettamente nel ruolo. In fondo, prima di intraprendere il suo lungo e faticoso viaggio, Lara è una comunissima ragazza ventenne.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui