Lele dei Negramaro come sta? I messaggi dei haters e l’ira del web

0
1140

Continuano i giorni di attesa, Lele dei Negramaro come sta? Sono poche le notizie sul web circa le reali condizioni del musicista, i messaggi degli haters scatenano l’ira del web. Ecco cosa sta succedendo e la denuncia di Selvaggia Lucarelli.

Lele dei Negramaro come sta?

Sono ormai passati due giorni dalla notizia riguardante il chitarrista dei Negramaro, Lele Spedicato. Il musicista è stato ricoverato all’ospedale Vito Fazzi di Lecce, dove i medici non hanno ancora sciolto la prognosi riservata. In attesa di ricevere nuove notizie ufficiali, ecco che l’intera band dei Negramaro raggiunge l’ospedale, insieme alla moglie di Lele Spedicato, Clio, per non fargli mancare il loro affetto e supporto.

“Non sarà un’attesa facile”

Quarantotto ore dopo l’aneurisma che ha colpito il musicista, la domanda sui social persiste: Lele dei Negramaro come sta? In attesa di un nuovo bollettino medico, ecco che arriva il messaggio sui social dei Negramaro. “Siamo certi che il nostro Lele lo stia raccogliendo tutto per tornare più forte– si legge nel post. Serviranno ancora i vostri pensieri più positivi per i giorni che verranno. Non sarà un’attesa facile ma gli siamo tutti vicini. Saremo forti e pronti per il suo grande ritorno“. Il post è stato subito invaso da commenti carichi d’affetto ma, purtroppo, dal web prima o poi emerge sempre quanto odio, immotivato, ci sia nella gente. Si tratta di cattiveria gratuita? Gli haters, i classici leoni da testiera che lasciano commenti negati e insulti a personaggi famosi, colpiscono ancora.

Chirarrista Nregramaro ricoverato

Selvaggia Lucarelli denuncia

Nel corso delle ultime settimane Selvaggia Lucarelli denuncia ha raggiunto il mondo dei social. L’opinionista e scrittrice ha deciso di rendere noti i volti degli haters che spesso le mandano messaggi in privato, o che commentano i suoi post. Dopo il malessere di Lele Spedicato gli haters hanno, nuovamente, agito non rispettando il dolore della famiglia.

Free Press Online non riporterà i messaggi in questione, il motivo fonda le basi nel rispetto verso Lele Spedicato che ancora oggi lotta tra la vita e la morte… Ma anche in rispetto della famiglia e della moglie Clio, che porta in grembo suo figlio e quello del musicista.

Ci tengo a precisare che, in questo caso la ripetizione della parola “rispetto” è un qualcosa di ampiamente voluto da me. Nessuno deve poter gioire di un momento di dolore come questo. Il mondo è una ruota che gira e tutti noi, compresi voi, cari haters, avete una famiglia. Provate a indossare i panni di quella persona, della mamma di Lele, il papà, la moglie e di quel bambino che non è ancora venuto al modo. Successivamente, cari leoni da tastiera, guardatevi allo specchio. Di seguito troverete il messaggio di Selvaggia Lucarelli Facebook:

È qui che si capisce il problema. 
La solita distorsione della realtà. Il solito problema dell’ignoranza nel ritenere il web un mondo parallelo, una zona franca, un non luogo in cui si può essere altro, in cui si può essere la parte peggiore di sé, perché tanto mica è la realtà. 
Invece qui e lì sono la stessa cosa e se non l’hai capito dopo un decennio di fb, hai un problema serio. 
Sono LA STESSA COSA con la differenza che nel bar sotto casa gli amici, i parenti, le persone che vogliono bene a Lele non hanno possibilità di ascoltare le tue idiozie. Qui le leggiamo tutti, compresi (potenzialmente) loro. 
E immagino che il nostro eroe del giorno, se quegli amici, quei parenti, fossero seduti al bar, se ne starebbe ben zitto. 
Se vi piace la provocazione, almeno assumetevi il rischio di un pugno in faccia“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui