Crollo ponte Morandi: ancora fumata nera per il decreto Genova

0
934

Crollo ponte Morandi. Così il decreto Genova resta fermo e non può essere momentaneamente firmato dal Presidente. Altro tempo utile per cambiare il testo del dispositivo? Nel Decreto Sicurezza, nel silenzio più totale, intanto, sono state inserite norme sulla Giustizia Sportiva e sul ruolo dei Tar in essa e sulle certificazioni dei bilanci delle squadre di A e B.

La ragioneria dello Stato “Decreto arrivato incompleto”

In un comunicato: “La Ragioneria Generale dello Stato non ha bloccato il decreto, ma lo sta sbloccando”. E’ quanto affermano fonti Mef su decreto Genova, smentendo ”categoricamente” indiscrezioni riportate da un sito. Il decreto – viene spiegato – è arrivato “senza alcuna indicazione degli oneri e delle relative coperture”. E che “i tecnici della Ragioneria generale dello Stato stanno lavorando attivamente per valutare le quantificazioni dei costi e individuare le possibili coperture da sottoporre alle amministrazioni proponenti”.” Il decreto è giunto molto incompleto”.

Che nessuno tocchi la sostanza del testo

Ritardi, che via via si fanno sempre più insostenibili. È da giorni, infatti che la firma del decreto Genova si fa attendere. L’ok dato dal Consiglio dei Ministri con la formula “salvo intese“, potrà fare stare tranquilli in molti, ma Toninelli dovrebbe vigilare e stare attaccato al testo. Nessuno provi a toccarlo. Nei fatti quello presentato in Tv e dai giornaloni sabato, va benissimo, ed è logico. Ma dal Mef dicono che è incompleto. Casalino la sa lunga e di certo non le manda a dire e saprà cosa fare. Il fatto inquietante per Genova e per Toninelli, che si professa trasparente (e noi gli crediamo fino a prova contraria ndr.) è che questi ritardi, secondo le male lingue e i passati decreti analizzati al Mef, potrebbe passare per mani sbagliate?

C’è un precedente di ritocco nel decreto Salvini passato inosservato

Già successo? Si proprio nel decreto Salvini, o decreto Sicurezza, dove sono state nell’articolo 41, che riporta le coperture economiche, dei comma, che riguardano la giustizia sportiva e il ruolo dei Tar in essa e le certificazioni dei conti delle squadre di A e B . Questa modifica non è presente in nessuna bozza, (nemmeno in quelle pubblicate ieri ndr.) e ne nei proclami di Conte e Salvini. Non ci credete? La fonte è ansa.it, poi basta aspettare la Gazzetta Ufficiale. Carramba che sorpresa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui