Derby capitale: Roma caput mundi contro una buona Lazio

0
215
ROME - OCTOBER 23: The picture shows an aerial view of the Olympic Stadium on October 23, 2007 in Rome, Italy. (Photo by Gareth Cattermole/Getty Images)

Il derby capitale vive un primo tempo double face. Prima Lazio più pericolosa, dopo il cooling break meglio la Roma. Giallorossi in vantaggio con Pellegrini di tacco. Inizio del secondo tempo parte meglio la Roma. Fazio s’inceppa e Immobile pareggia. Kolarov su punizione fa 2-1. Fazio al 86′ la chiude.

Parte forte la Lazio con Immobile. Acerbi le prende tutte

Dopo il disastro di Bologna e i segnali di recupero nel turno infrasettimanale contro il Frosinone arriva il derby per i giallorossi. La Lazio si presenta alla partita dopo una brutta partenza ha ben recuperato. Partono meglio i biancoazzurri che al secondo minuto collezionano la prima palla gol con Immobile. Se il possesso palla della Roma è sterile, quello dei laziali no. Cercano sempre di verticalizzare e ripartono velocemente. Al 13′ palla d’oro per Luis Alberto che all’ultimo istante viene murato. Dzeko non in giornata e viene sempre anticipato da Acerbi. Sulla fascia sinistra i giocatori di Di Francesco soffrono e le occasioni biancocelesti fioccano come neve Natale. Al 23′ Dzeko in contropiede solitario arriva al tiro ma Strakosha riesce ad intervenire su una palla non ben indirizzata. Dopo un minuto è Pastore ad impegnare il portiere laziale. Al cooling break si arriva dopo un’azione di calcio d’angolo dove la combinazione Nzonzi-De Rossi (forse in fuorigioco) non risulta per pochissimo.

El Shaarawy spreca. Pellegrini di tacco fa gol

Alla ripresa del gioco la partita è più equilibrata. El Shaarawy manca l’impatto con la palla a porta praticamente vuota. Pastore esce per un problema al polpaccio sinistro, non quello dell’infortunio di Parigi. Al suo posto Di Francesco butta nella mischia Pellegrini che va a fare il trequartista. Negli ultimi minuti della prima frazione la Roma alza il baricentro e cerca di imbastire azioni pericolose. Si sfrutta la fascia destra con la velocità di El Shaarawy e i buoni piedi di Kolarov. Lulic è fondamentale per il gioco laziale, quando prende la palla lui i biancocelesti riescono ad avanzare, ma Manolas in seconda battuta riesce a interrompere le trame offensive. Al 45′ Pellegrini sfrutta un errore di Strakosha e di tacco porta in vantaggio la Roma. Immobile lanciato in rete, sbaglia il primo tocco e Olsen in uscita riesce ad evitare il secondo tocco dell’attaccante. Dopo tre minuti di recupero si va pertanto negli spogliatoi.

Pareggia Immobile sfruttando una sciocchezza di Fazio. Kolarov fa 2-1

All’inizio del secondo tempo è la Roma a comandare le operazioni di gioco e costruisce un paio di occasioni potenzialmente pericolose. Santon riesce a spingere sulla fascia destra e a rifornire di palloni sia Dzeko che El Shaarawy. Inzaghi fa uscire Luis Albert e Parolo e inserisce Correa e Badelj. La Roma cerca di spingere per cercare il gol del raddoppio. Tanti i tiri in porta sfruttando azioni avvolgenti e calci d’angolo. Verso Strakosha arrivano palloni di ordinaria amministrazione, che il portiere biancoceleste controlla. La Lazio gioca in contropiede, Fazio fa un orrore nel controllare la palla. Immobile gli ruba il pallone entra in area e in diagonale batte Olsen. Nemmeno il tempo di festeggiare e Kolarov su punizione dal limite riporta in vantaggio la Roma. Esce De Rossi per Cristante. Pellegrini arretra al centrocampo e fasciadi capitano a Lorenzi.

Tanto caldo squadre stanche e finale scoppiettante. La chiude Fazio

I giallorossi cercano il terzo gol. El Shaarawy ci va vicino su un errata uscita della difesa della Lazio, che cerca solo i contropiedi. Poi il caldo la fa da padrona. Le squadre stanche si spaccano in due. La partita diventa bellissima con azioni da ambo le parti. Olsen devia in angolo un tiro da fuori di Milinkovic. Su una punizione di El Sharaawy, Fazio di testa in area fa il terzo gol che chiude i giochi del derby captlale e si fa perdonare l’errore sul pareggio di Immobile.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui