Bambino autistico legato a sedia: la mamma “trattato come animale”

1
506
bambino autistico legato a sedia

Un fatto increscioso è accaduto a Belfast. Bambino autistico legato a sedia. La mamma non riusciva a credere a quello che stavano facendo al figlio.

Legato ad una sedia completamente immobilizzato

Il bambino di 5 anni, mentre era in una festa in un centro specializzato a Belfast era stato legato ad una sedia dalla vita alle caviglie, praticamente immobilizzato. Introno a lui gli altri ragazzini correvano giocavano e si godevano la festa. Il maltrattamento del bambino andava avanti da tempo. La madre aveva notato dei cambiamenti di umore da prte del figlio e non voleva credere che in quella struttura specializzata per bambini con difficoltà cognitive succedesse questo.

La scoperta tramite delle foto

Stavo parlando con lui chiedendogli cosa voleva mostrarmi, e continuava a toccare con il ditino il sussidiario, che aveva infilate dentro le foto – racconta la mamma – .Ho aperto il libro e, alla vista di quelle immagini, mi è saltato il cuore in gola. Il mio piccolo legato come un animale. È un ragazzino buono e calmo, lo dimostrano tutte le sue valutazioni – afferma la madre -, ha un carattere difficile ma non c’è mai stato bisogno di legarlo”. Nelle foto viste dalla donna, vi erano tutte le spiegazioni del mutamento comportamentale del bambino.E’ sempre stato felice e allegro, ma all’improvviso la sua personalità è cambiata – spiega la madre -. E’ diventato angosciato, agitato, ha iniziato a piangere di notte e a soffrire di attacchi di panico. Non voleva essere toccato, mentre prima era un coccolone, insomma era diventato ragazzino totalmente diverso da quello che conoscevamo e, purtroppo, non poteva dirci perché“.

bambino autistico legato a sedia_2

Il sospetto: “Stava seduto rifiutandosi di scendere dalla sedia”

Si rifiutava di scendere dalla sedia, prima invece correva per stare insieme ai genitori a vedere la Tv. Questa variazione di comportamento, secondo lo psichiatra che lo ha in cura, è dovuto ai fatti successi a scuola. Il padre del bambino ha osservato come “quelle sedie sono per i alunni con deficit motori, di deambulazione, che hanno bisogno di essere sollevati e messi nella posizione giusta, non sono per nostro figlio. Abbiamo rischiato di perdere tutti i progressi che eravamo riusciti a conquistare nell’ultimo anno di lavoro con i medici”.

La scuola: “lo legavamo per la sua sicurezza”

La scuola ha fatto sapere che il ragazzino era stata preso quel provvedimento, era per la sicurezza stessa del bambino. Però lo stesso istituto non ha mai l’avvertito i genitori di quello che stavano facendo, senza mancanza di rispetto per l’alunno. I genitori si sono pertanto rivolti alla polizia nordirlandese. Kevin Winters, l’avvocato della coppia di genitori, ha dichiarato: “Il diritto all’educazione è un diritto umano, perché consente alla persona di crescere, svilupparsi e realizzarsi. Questo bambino ha sofferto emotivamente e questa sofferenza si è ripercossa sulla sua formazione“.

Bambin autistico legato a sedia_3

Lunga la sua riabilitazione

Dalla loro parte anche il verbale dei servizi sociali, che non esitano a definire un “abuso fisico” la coercizione subita dal bimbo, adottata intenzionalmente e non per negligenza o scarsa preparazione del personale. I genitori hanno tolto nel frattempo il piccolo dalla scuola: ha iniziato la riabilitazione a perché sul suo viso tornasse a comparire il sorriso.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui