Comprata a 14 anni uccide marito . Arriva la condanna

0
551

Comprata a 14 anni da un uomo, per 500 mila lire nel 1972, dopo anni si vendica e nel giugno del 2016 uccide il marito. Ora arriva la condanna per la donna:  21 anni e tre mesi di reclusione.

Una storia lunga 46 anni

Assunta Casella, nel 1972 è stata comprata da un uomo, che la voleva per moglie, dalla sua famiglia. Con 500 mila lire si chiuse l’accordo e l donna andò a vivere con l’uomo che la sposò. Molti anni dopo la donna probabilmente si vendica. Nel giugno del 2016 a Paroldo, un comune nella provincia di Cuneo, nel noccioleto di una casa viene trovato il cadavere di un uomo. Si tratta del proprietario Saverino Viora di 78 anni e pensionato. È stato ucciso. Perché? Da chi?

Le indagini e le accuse verso la donna

Le indagini cominciano con l’autopsia, che rileva la presenza di un sonnifero nel corpo dell’uomo. Il sonnifero è lo stesso che Assunta si era fatta prescrivere. Secondo l’accusa la donna ha dapprima sedato l’uomo per poi ucciderlo. Assunta si difende e si proclama innocente. Sul movente resta il mistero, ma gli inquirenti non credono all’innocenza della donna.

La condanna in Corte d’Assise d’Appello

Al processo in Corte d’Assise la donna viene condannata a 21 anni e tre mesi di reclusione, Sebbene la Procura avesse chiesto l’ergastolo. In aula Marina Bisconti, l’avvocato difensore della donna, racconta una storia agghiacciante, un retroscena mai emerso prima. L’uomo non solo aveva pagato 500 mila lire per la vita della donna, ma la maltrattava continuamente e la costringeva a prostituirsi. Il procuratore generale Nicoletta Quaglino ha però sostenuto: “Ne potremmo parlare in maniera diversa se la vicenda fosse stata chiarita dall’imputata negli incontri con gli investigatori. E in ogni caso non si possono dare le attenuanti a un omicidio per fatti capitati 45 anni fa”. La Corte d’Appello ha invece riconosciuto quelle attenuanti, ma ha stabilito che sono equivalenti alle aggravanti. E quindi pena confermata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui