Convention Pd Roma: Zingaretti “Renzi rottamatore. M5S va diviso”

0
500

Nicola Zingaretti ha chiuso con un discorso di due ore la convention del Pd Roma. A piazza Grande senza mai nominarlo, ha dato tutte le colpe a Renzi per i disastrosi risultati del partito. Sul reddito di cittadinanza ha detto: “Ci hanno copiato, l’idea è nostra“.

Numeri a tutto spiano e contro  Renzi

A chiudere i lavori della convention romana Zingaretti a usato parole di fuoco: “Basta con l’egocrazia”. Su i pentastellati  ha detto che “Bisogna incalzarli per dividerli, c’è una massa sterminata di popolo che attende segnali”. Suldisatro politico ha ricordato che: “ci siamo nascosti dietro la forza anche straordinaria di un leader. Siamo passati da 12 milioni a 6 milioni di voti – ha sottolineato Zingaretti – abbiamo tolto 10 milioni di euro agli enti locali” ora “non è il tempo dell’abiura ma della riflessione e del cambiamento, per un nuovo paradigma. Ecco la ricerca, non l’abiura. L’ammissione di una fase storica alle nostre spalle in cui ci siamo convinti che la crescita avrebbe portato la fine delle disuguaglianze”.

Contro M5S: “il reddito di cittadinanza è idea nostra”

“Sono rimasto inorridito nel vedere il sorriso, posso dire quasi ebete, di Di Maio quando racconta soddisfatto che lo Stato darà i soldi ai poveri, ma li controllerà -ha detto Zingaretti, che incalza rivendicando la legge sul reddito di cittadinanza – l’idea è stata nostra”, con il chiaro riferimento al reddito di inclusione.

Le parole di Gentiloni

L’ex premier e Pd Paolo Gentiloni, era intervenuto poco prima di Zingaretti ed ha detto che: “A 7 mesi dalla sconfitta parlare di congresso non mi sembra una scelta precipitosa. Non deve essere una guerra tra correnti, fonte di divisioni. Io mi impegnerò con tutte le mie forze perché il congresso si faccia e che renda più forte e unito il Pd”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui