Sindaco di Riace costretto a lasciare il comune? L’invito di De Magistris

0
258

Continuano senza sostata le indagini in Calabria. Oggi le testate giornalistiche nazionali raccontano: “Sindaco di Riace costretto a lasciare il comune“. A Mimmo Lucano è stato imposto il divieto di dimora ma questo gli ha permesso di ottenere consensi da altre personalità politiche.

Sindaco di Riace costretto a lasciare il comune?

Qualche settimana fa il sindaco di Riace, Mimmo Lucano, è stato accusato di favoreggiamento dell’immigrazione, senza scopro di lucro, e fraudolento affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti. Gli stessi reati sono contestati anche a Tesfahun Lemlem, da tempo legata al sindaco di Riace. Il comune della Calabria era passato dall’essere un esempio da emulare nell’accoglienza dei migranti, al simbolo di favoreggiamento dall’immigrazione. Dalla gloria al buio pesto. Oggi, il Tribunale del Riesame afferma: revocati gli arresti domiciliari con divieto di dimora per Mimmo Lucano. Il sindaco di Riace costretto a lasciare il comune?

Luigi De Magistris: “Venga a Napoli”

Nel momento in cui è stato confermato il divieto di dimora a Riace per l’ormai ex sindaco Lucano… Alcuni esponenti del mondo politico si sono esposti in suo favore, offrendo il loro sostegno. Una delle prime offerte è arrivata da Luigi De Magistris sindaco di napoli. Secondo quanto pubblicato anche dal Fattoquotidiano.it, l’ex magistrato su Twitter ha dichiarato: “Caro Mimmo, lo so che non lascerai la tua e nostra amata Calabria, ma se vuoi ti ospitiamo con amore a Napoli. Il divieto di dimora nella tua Riace è peggio degli arresti domiciliari. Ma non potranno mai arrestare la rivoluzione. Riace vivrà con Lucano Sindaco!“.

“Mimmo Lucano venga a Fabrica”

A sostenere Mimmo Lucano, sindaco di Riace costretto a lasciare il comune, è anche Oliviero Toscani, politico e noto fotografo del gruppo Benetton. Nell’appello pubblicato da Ilgazzettino.it si legge: “Mimmo Lucano venga a Fabrica. Casa nostra è casa sua e qui potrà rimanere fino a quando potrà rientrare a Riace, fino a quando vorrà. Venga a insegnarci il futuro, perché abbiamo bisogno di lui ovunque: il nostro è un centro di resistenza e tutta l’Italia è come Riace“.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui