Alunno punta una pistola ad aria compressa contro unʼinsegnante

0
403
bullismo francia
foto: TGCOM

La notizia ne ha davvero dell’incredibile. Nel luogo in cui la civiltà, il rispetto per le regole e per le persone e l’istruzione devono essere apprese, accadono anche fatti spiacevoli. In Francia, un giovane alunno punta una pistola contro l’insegnante.

Alunno punta una pistola contro l’insegnante

È accaduto in Francia, lo spiacevole evento che ha colpito un’insegnante durante lo svolgimento del proprio lavoro. Un’allievo avrebbe puntato la pistola ad aria compressa sulla tempia del docente. Insieme al gesto il giovane avrebbe urlato: “Mettimi presente“. L’episodio di bullismo è avvenuto nel liceo Edouard-Branly di Créteil.

Il video diventato virale sul web

Il tutto sarebbe stato ripreso tramite uno smartphone e, come spesso accade, finito poi in rete. Dalle immagini è facilmente ricostruibile la vicenda. Pare che il ragazzo abbia prima detto “Mettimi assente” per poi correggersi con “presente” e intimare all’insegnante di cambiare la nota nel registro elettronico. L’insegnante fissa per qualche istante lo schermo del Pc e infine guarda in faccia il giovane. Durante il video appare anche un altro compagno del giovane bullo, che appare sullo schermo e, rivolgendosi alla telecamera, fa un gestaccio. I due che appaiono nel filmato sono subito stati arrestati dalla polizia, la quale ha aperto un’indagine. A riportare la notizia, la testata giornalistica  Le Parisien. Si cerca di capire adesso chi sia il terzo ragazzo che si è occupato di riprendere la vicenda.

Bullismo a Lucca: offeso un docente

Episodi del genere non sono di certo mancati nel nostro territorio. Risale a qualche mese fa la notizia di un istituto di Lucca, nel quale alcuni ragazzi sono stati responsabili di violenze e insulti ai danni di un loro docente di italiano. In questo caso sei i giovani accusati di concorso nei reati di violenza privata e minacce, responsabili di un’azione atta a umiliare e dileggiare il docente, anche con la videoripresa della vicenda stessa.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook e Twitter o iscriviti al nostro canale Telegram!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui