La bellezza dell’arte pubblica: dono dell’artista Gomez alla città di Catania

0
391
il dono dell'artista gomez

Un’iniziativa atta alla riqualificazione di uno dei luoghi più suggestivi di Catania. Il tratto dell’artista Gomez, dà nuova vita alla Cappella Bonajuta, la cuba tardo bizantina nascosta tra i palazzi barocchi della città antica.

Il dono dell’artista Gomez alla città di Catania

Una parete di via Bonajuto diventa una grande tela per l’artista di fama internazionale Gomez. Di fronte il luogo di culto della Cappella Bonajuta l’artista ha potuto esprimere la sua arte con la realizzazione di un murale. Verrà inaugurato ufficialmente il prossimo 30 ottobre, nel corso di una conferenza stampa. Sarà lo stesso Sindaco di Catania, Salvo Pogliese e l’assessore alla cultura, Barbara Mirabella a svelare ufficialmente l’opera. L’iniziativa è del proprietario del sito archeologico, Salvatore Bonajuto, il quale ha voluto intraprendere questo percorso di riqualificazione dell’intero quartiere, affidandosi all’artista di strada di origini argentine ma romano d’adozione. Un grandioso affresco che rappresenta un vero e proprio dono alla città di Catania.

Utilizzare l’arte per respingere il degrado

È questa l’idea di base dietro il progetto di riqualificazione: utilizzare l’arte per respingere il degrado. “Il bello viene rispettato, tutelato, protetto – afferma Salvatore Bonajuto – Questo luogo che la mia famiglia possiede da generazioni, è di fatto di tutti. Ed è per questo che ho deciso di riqualificarlo, affidandomi alla sapienza e alla bravura di Gomez”.

L’artista è già presente tra le mura della città di Catania: a lui si deve la splendida reggia di Caserta realizzata sui muri della rimessa Amt di via Plebiscito. Adesso la grande tela è invece rappresentata dal muro prospiciente la Cappella: un suggestivo gioco di luci ed ombre, un’ opera realizzata con la tecnica tipica del writer, di chiara ispirazione caravaggesca. Una bellezza artistica che accoglie turisti, cittadini, curiosi e amanti dell’arte. Il privato al servizio del pubblico, al fine di una valorizzazione del territorio.

Una scelta nata dalla sensibilità di Angelo Bacchelli, appassionato, collezionista e tra gli ideatori dei progetti di riqualificazione dei silos al porto e di Amt Art Project, resa possibile grazie alla collaborazione di Giuseppe Stagnitta, curatore d’arte e appassionato di street art, che con il Emergence festival  porta in giro per l’Italia il concetto di arte pubblica, in cui i privati non sono più gli unici ai quali è concesso godere del bello che diventa collettivo.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook o iscriviti al nostro canale Telegram!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui