C’è chi può e chi non può? Sonia e Paolo Bonolis il perchè del jet privato

0
345
C'è chi può e chi non può
Fonte Foto: salute.ilgiornale.it

C’è chi può e chi non può: Sonia Bruganelli e Paolo Bonolis affittano un jet privato solo per aiutare la loro figlia che ha dei problemi motori. Non è tutto oro quello che luccica, non è solo ostentare le ricchezze. Certo è che per certe cose ci vuole una notevole disponibilità economica…

C’è chi può e chi non può… Ma il web non perdona

La moglie di Bonolis è stata ospite a Matrix e ha deciso di dire la sua a seguito delle polemiche che l’hanno vista protagonista in questi giorni. Il popolo del web si sarebbe scagliato contro Sonia Bruganelli per una foto postata da lei stessa sui social. La foto incriminata era di un jet privato e per molte persone è sembrata eccessiva, un ostentamento troppo esagerato. La verità della foto è ben più profonda, secondo quanto riporta Sonia: “Non è facile essere la moglie di Paolo Bonolis, avevo coinvolto io Paolo a noleggiare il jet. Siamo tanti e Silvia, la primogenita, ha dei problemi motori per cui fino a poco tempo fa si spostava solo in carrozzina. Ora dopo tanti sacrifici e fisioterapia, è quasi autonoma. Non ne parliamo molto… il dolore è privato, prenderei centomila like, ma è roba solo mia“. Intanto, però, la foto del jet privato viene postata e, indirettamente, si porta alla luce la malattia della figlia…

Il racconto di Sonia sulla figlia Silvia

La situazione in casa Bonolis non è delle migliori, dati i problemi fisici della primogenita Silvia. Tempo fa, a Domenica In e Gente, Sonia Bruganelli aveva raccontato: “Quando mi sono sposata ero incinta di tre mesi. Silvia è stata l’evento che ha sconvolto la mia vita. All’inizio ci ha spaventato, è stata un uragano nella nostra esistenza. Quando è nata aveva un problema cardiaco e ha dovuto subire alcuni interventi. Durante uno di questi, ci sono state delle complicazioni e lei ha riportato alcuni problemi motori. Io la vedevo così piccola con tutti quei tubicini e avevo paura persino a toccarla, ad allattarla. Mi sentivo in colpa per questo. Temevamo che non potesse camminare o muoversi. Invece Silvia oggi è una ragazzina perfettamente integrata e indipendente, quasi non ha bisogno di aiuto“.

C'è chi può e chi non può
Fonte Foto: termometropolitico.it

C’è chi può e chi non può: la risposta di Sonia alle critiche

Su Instagram le critiche per Sonia e Paolo non sono affatto mancate. Nuovamente, si sottolinea che la loro non è voglia di dimostrare le loro ricchezze: “Non capisco la polemica. Non voglio dire agli altri: ‘Guardate che bello quello che vivo io e che voi non potete fare. Dovete vivere così o siete degli sfigati’. Io condivido momenti della mia giornata. Scelgo io quali far vedere e quali no. Non mi interessa se a qualcuno non piace quello che pubblico visto che non mi pongo il problema perché non devo fare pubblicità. Non sono un personaggio pubblico a tutto tondo e non faccio pubblicità sui miei social. Gli haters si sfoghino, con alcune donne dico: ‘parliamone’. A volte è successo che certe persone mi sono diventate amiche”.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui