Violenza sessuale di gruppo anche a Catania e Rimini, Italia terrorizzata

2
905
Fonte Foto: la-notizia.net

Violenza sessuale di gruppo a Catania e Rimini: le notizie che sconvolgono un’intera nazione e non solo le città interessate. Un pericolo che riguarda tutta l’Italia e che terrorizza tutti. L’importante in questi casi è denunciare sempre l’accaduto, senza timore. È la via più giusta da percorrere per chi subisce queste violenze e serve anche da monito per il futuro.

Violenza sessuale di gruppo a Catania: la denuncia dei fatti

Lo scorso luglio, a Catania, una ragazza è stata vittima di una violenza sessuale di gruppo in un parcheggio di una discoteca al termine di una serata. A seguito della querela della ragazza, che ha avuto la forza di raccontare e denunciare tutto, è iniziata l’attività di indagine. Gli accertamenti investigativi da parte della Procura di Catania e dei Carabinieri di Acireale hanno ricostruito l’accaduto e accertato la veridicità della denuncia della ragazza.

Due uomini colpevoli

Con la scusa di essere riaccompagnata a casa, avvicinata da un conoscente di Acireale, la giovane donna è stata portata, a bordo di una macchina, nel parcheggio dove si è consumata la violenza sessuale di gruppo. Sono state effettuate delle intercettazioni telefoniche ed ambientali che hanno confermato la colpevolezza nei confronti di due uomini indagati in ordine al reato commesso. La ragazza si è rivolta, infatti, subito alle autorità e i Carabinieri di Acireale hanno arrestato i due colpevoli, disponendo una ordinanza di custodia cautelare. Gli uomini sono stati portati nel carcere di Catania presso Piazza Lanza.

Violenza sessuale di gruppo
Fonte Foto: siciliaogginotizie.it

Violenza sessuale anche a Rimini

Un altro episodio di violenza sessuale vede protagonista un pakistano di 43 anni che ha violentato e rinchiuso in casa una studentessa 23enne di Rimini. L’uomo aveva il permesso di soggiorno e lavorava presso una rosticceria-kebab. La ragazza si è rivolta ai medici dell’Ospedale “Infermi” di Rimini e ha raccontato tutto quello che è successo. Secondo quanto riporta la studentessa, stava tornando a casa in treno da Ravenna venerdì sera e si era fermata nella rosticceria per comprare un kebab per cena. L’uomo, dopo averla servita, l’avrebbe invitata a casa sua dicendole di farle un massaggio. Dopo l’iniziale no, però, la 23enne avrebbe accettato l’invito e nell’abitazione del pakistano si sarebbe consumata la violenza.

Il personale sanitario, prontamente, ha inviato una segnalazione alla Polizia che ha inviato una Volante. Ricostruita nel dettaglio la vicenda, la Polizia ha denunciato l’uomo per violenza sessuale e sequestro di persona. Ora la segnalazione è al vaglio del sostituto procuratore Luigi Sgambati.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

2 Commenti

  1. […] Qual è la linea che permette di definire quando si è davanti una violenza sessuale o un rapporto consenziente? Secondo quanto stabilito dalla legge italiana gli atti sessuale con un minore sono reato quando il minore ha meno di quattordici anni. Nel caso in cui questo ha raggiunto il sedicesimo anno di età è possibile trovarsi in presenza di casi particolari. Quando il minore ha raggiunto il sedicesimo anno di età devono essere considerati i casi particolari in cui questo può essere o meno consenziente. (Clicca Qui). […]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui