Caso nave Diciotti: richiesta l’archiviazione per Salvini. L’Austria…

1
167
Caso nave diciotti matteo Salvini

Il ministro degli Interni Matteo Salvini non sarà processato per il caso nave Diciotti. La procura di Catania ha chiesto l’archiviazione della posizione del leader della Lega.

Per Salvini richiesta l’archiviazione

Ad annunciarlo in un video, che è diventato subito virale sui social è stato lo stesso ministro degli Interni Matteo Salvini. Il leader della Lega ha ricevuto un plico dalla Procura di Catania, e allora lo apre e lo legge in diretta Facebook. Il ministro su Facebook scrive: “Mi è arrivata ora in ufficio una busta chiusa dalla Procura di Catania: sarò assolto o indagato???”
Dai che la apriamo insieme! Intanto buon Ognissanti a tutti voi Amici, e un abbraccio particolare a chi lavora”.

Mi è arrivata ora in ufficio una busta chiusa dalla Procura di Catania: sarò assolto o indagato???Dai che la apriamo insieme!Intanto buon Ognissanti a tutti voi Amici, e un abbraccio particolare a chi lavora.

Pubblicato da Matteo Salvini su Giovedì 1 novembre 2018

Il caso Diciotti

Il caso di Nave Diciotti fece scalpore perché i migranti tratti in salvo dalla nave della Guardia Costiera italiana, non furono sbarcati una volta raggiunto il porto di Catania. Tra le motivazioni di Salvini a non fare sbarcare i migranti, vi era la mancanza di un controllo documentale delle persone a bordo. “Solo chi ha diritto sarà sbarcato” disse Salvini, che fece scendere dalla nave della Guardia Costiera solo persone che avevano bisogno di cure urgenti. La questione che fu messa in risalto dal ministro degli interni, riguardava l’equa distribuzione dei migranti da parte di tutti gli Stati membri dell’Ue. La procura di Catania aprì un ‘inchiesta per verificare se il comportamento di Salvini era andato contro le disposizioni di legge. Oggi arriva la richiesta di archiviazione da parte della stessa Procura.

L’Austria mostra i muscoli sui migranti

Sempre oggi, l’Austria, che si è sempre mostrata intransigente all’arrivo dei migranti,  ha annunciato di uscire dal patto Ue sulla gestione migranti. In attesa del nuovo concordato che si dovrebbe firmare in Marocco, altre nazioni potrebbero scegliere la stessa strada di quella percorsa dall’Austria. Si parla di parecchi paesi dell’Est Europa, con in primis la Polonia.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui