I furbetti del cartellino, timbrano e vanno a giocare alle slot

0
722
Timbrano e poi vanno a giocare alle slot

Sarebbero 5, secondo i Carabinieri i furbetti del cartellino, sorpresi a Cefalà Diana (Pa), che timbrano l’ingresso a lavoro e poi vanno a giocare alle slot machine o a sbrigare faccende personali.

Le accuse

Sono due dipendenti comunali di Cefalà Diana, in provincia di Provincia di Palermo e 3 dipendenti del consorzio che si occupa della raccolta dei rifiuti Coinres a frodare sul lavoro. Dopo aver timbrato il cartellino di ingresso a lavoro, si allontanavano per passare la mattinata a fare altro. Secondo l’accusa, i cinque furbetti del cartellino, più che lavorare andavano a fare la spesa, nei campi o giocare alle slot machine.

Le indagini

I 5 sono stati seguiti e filmati in più di un’occasione. Le videocamere hanno ripreso questi impiegati, che abbandonavano il loro posto di lavoro ripetutamente. Qualcuno di loro anche a bordo di una moto ape per recarsi a lavorare nei campi. Tutto questo senza timbrare l’uscita e quindi figurando regolarmente in servizio. Alcuni di loro, addirittura andavano a giocare alle slot machine, assentandosi illecitamente dal proprio posto di lavoro. C’è chi andava a fare la spesa, e chi a custodire e badare ai propri animali domestici. Il Gip di Termini Imerese, una volta raccolto il materiale probatorio, ha disposto un’ordinanza cautelare per i cinque impiegati infedeli. Sono stati i carabinieri a notificare il dispositivo, che impone ai cinque l’obbligo di presentazione davanti alla polizia giudiziaria. Le indagini sono state coordinate dalla procura. Nell’inchiesta ci sono altri 15 dipendenti comunali indagati.

Vuoi rimanere sempre connesso?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui