Desirée Mariottini aggiornamenti, il pusher: “La conoscevo di vista”

0
435
morte di Desirée Mariottini

Non si arrestano le news relative a Desirée Mariottini aggiornamenti. L’attenzione degli inquirenti al momento si concentrata sul pusher che avrebbe venduto le sostante che sono servite a stordire la giovane quella sera. L’uomo davanti agli inquirenti si sarebbe giustificato dicendo: “La conoscevo di vista“.

Desirée Mariottini aggiornamenti, arrestato il pucher

Domenica mattina è stata resa ufficiale la notizia relativa a Desirée Mariottini aggiornamenti. Qualche giorno fa, infatti, è stato arrestato Marco Mancini il presunto pusher che quella sera avrebbe venduto la droga necessaria a stordire la giovane vittima. (Per approfondire Clicca Qui). L’uomo in questione si chiama Marco Mancini e al momento del fermo aveva con se ben 12 dosi di cocaina.

Secondo quanto reso noto da Ilmessaggero.it, oggi, per trovare il trentaseienne le forze dell’ordine hanno passato a setaccio tutte le farmacie presenti in zona San Lorenzo e Pigneto. Desirée Mariottini aggiornamenti.

mamma di desirée mariottini

Mix di eroina, cocaina, psicofarmaci, cannabinodi e alcol

Dopo la morte di Desirée Mariottini è emerso come la ragazza da tempo fosse tossico dipendente. I familiari avevano cercato di salvarla dai suoi fantasmi, gli stessi l’hanno accompagnata fino alla morte. (Per approfondire Clicca Qui). Secondo quanto reso noto dai reperti dell’autopsia ad uccidere Desirée quella notte sarebbe stato un mix di eroina, cocaina, psicofarmaci, cannabinoidi e alcol. Quello che i suoi aguzzini le hanno somministrato per stordirla e violentarla.

Ricordiamo che 4 uomini sono accusati di cessione di stupefacenti, violenza sessuale di gruppo e omicidio volontario.

“La conoscevo di vista”

Nel momento del fermo il pusher, Marco Mancini, trovato in possesso di diverse ricette mediche e 12 dosi di cocaina, ha immediatamente dichiarato: “Quella ragazza la conoscevo di vista, non le ho dato niente“. Ne Ilmessaggero.it è possibile leggere anche: “Tossicodipendente, scambiava gli psicofarmaci che gli venivano prescritti sarebbe affetto da una patologia con dosi di droga“. Secondo quanto reso noto, inoltre, Marco Mancini non avrebbe partecipato allo stupro e omicidio di Desirée Mariottini. Atteso per oggi il colloquio con il Gip, fissato a Regina Celi.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui