Emergenza rifiuti Campania: Conte “basta seguire il contratto di governo”

0
229
emergenza rifiuti campania

Sull’emergenza rifiuti in Campania, il premier Giuseppe Conte ha precisato che “non c’è nessuna polemica, la guida è il contratto di governo”. Ha ammesso però che vi è qualche diversità di vedute politiche fra le parti.

Conte: “lavorare per il potenziamento della differenziata”

Le dichiarazioni di Conte sono arrivate prima dell’incontro in prefettura a Caserta, dove è stato firmato il protocollo d’intesa per la Terra dei fuochi. In questa sede, erano presenti anche i due vice premier Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Il premier Conte ha anche spiegato che si deve “lavorare perché ci sia una cultura del rifiuto, stiamo per varare una serie di misure. Nel frattempo potremo affrontare una serie di criticità. La sintesi politica mi è facilitata come massima autorità di governo dal contratto di governo che prevede di potenziare la raccolta differenziata, per andare oltre gli impianti attuali. “In una fase di transizione potremo lavorare ad affrontare una serie di criticità. Il ministro Costa – ha spiegato Conte –  gestirà una serie di emergenze. Ma dobbiamo accelerare verso un’economia circolare, un sistema tra virgolette ‘verde‘”.

Che il rifiuto diventi un prodotto

In una nota congiunta Conte e i suoi due vice Di Maio e Salvini, ha scritto che Il governo lavora a una soluzione condivisa e senza polemiche. L’obiettivo è sempre la tutela della salute e del territorio. Il contratto di governo sul tema generale dei rifiuti esprime un chiaro indirizzo politico-amministrativo. Dobbiamo lavorare per realizzare quanto prima una completa economia circolare e rendere “verde” il nostro sistema economico”. Nella nota è stato spiegato pure che Il governo si impegna a “lavorare a difendere la cultura del “riciclo” e rendere i rifiuti “prodotti”, puntando alla capillare diffusione della raccolta differenziata. Il Governo si impegna al contempo a gestire le criticità che nel periodo di transizione dovessero manifestarsi, affidando al Ministro dell’ambiente le proposte e la prevenzione di queste criticità per una soluzione innovativa, concreta, realizzabile“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui