Cambiano i vertici degli 007 italiani. Carta e Vecchione i 2 nuovi capi

0
271
cambiano vertici 007

Per decisione del Governo cambiano i vertici degli 007 italiani. Conte ha nominato a capo del Dis il generale della Guardia di Finanza Gennaro Vecchione, mentre all’Aise un’altro Gdf, Luciano Carta. Mario Parente, è stato confermato come massimo esponente dell’Asi.

La spinta di Salvini dietro le nuove nomine

I precedenti capi dell’ Dis e Aise erano rispettivamente Alessandro Pansa e Alberto Manenti, il cui mandato era stato allungato di un anno lo scorso 7 marzo – tre giorni dopo le elezioni – dall’Esecutivo Gentiloni. La volontà di rinnovare i vertici era arrivata dal vicepremier Matteo Salvini, che stamattina, a margine della sua audizione al Copasir aveva dichiarato “Oggi c’è una riunione ad hoc del Cisr e conto che si chiudano le partite aperte. Vediamo cosa ci propone il premier”. Lo stesso aveva, fin dal suo arrivo al Viminale, spinto per la sostituzione di Pansa e Manenti. Riferendosi alle nomine di Gentiloni, Salvini aveva detto: “E’ incredibile che dopo un voto che ha cambiato equilibri e volto al paese cacciato ministri, ci sia un governo delegittimato che mette mano a rinnovi di incarichi importanti e non urgenti come quelli dei Servizi”.

I retroscena sulle nomine

Dopo mesi di contrattazione con il M5S, con il premier Conte che ha mantenuto la delega al settore e a cui compete formalmente la nomina si è arrivati alla Conferenza internazionale sulla Libia a Palermo del 12 e 13 novembre scorsi. Al termine è arrivata la decisione del cambio dei vertici. Ieri sono arrivate le nomine. Per Aise all’orizzonte un fitto programma di impegni, sia all’estero che nel territorio italiano. Da gestire le situazioni in Libia, l’emergenza migranti e la sicurezza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui