Ermal Meta a Verissimo: il racconto a cuore aperto del giovane cantante

0
731
Ermal Meta a Verissimo
Fonte Foto: radio105.it

Ermal Meta a Verissimo: a cuore aperto, il cantante si racconta a Silvia Toffanin, con la dolcezza e la purezza d’animo che da sempre lo contraddistinguono.

Ermal Meta a Verissimo: l’amore per la famiglia

Quando Ermal Meta entra in studio, ad accoglierlo è il pubblico in piedi che applaude e il cantante, percependo il caloroso saluto, esordisce dicendo: “È sempre una grande sorpresa essere amati, non è mai scontato“.

Silvia Toffanin mostra una foto che ritrae Ermal con il fratello e la sorella. Da lì il cantante inizia a parlare della sua famiglia, punto di forza della sua vita e rivolge a loro delle parole bellissime: “Io quando penso all’amore e non riesco a descriverlo, mi vengono in mente loro e mi viene immediatamente più facile parlarne, perché non è facile, ma se penso a loro tutto è più semplice, anche descrivere un sentimento così forte, che è difficile da esprimere a parole”. Il vero perno della famiglia è la madre e Ermal Meta lo dice chiaramente: “L’unione che ho con i miei fratelli è sicuramente grazie a mia mamma che l’ha creata da quando siamo piccoli. Io per loro (i fratelli, ndr) darei la vita, magari posso sembrare esagerato, ma in amore è meglio abbondare“.

La musica: compagna di vita da sempre di Ermal Meta

La musica è sempre stata la compagna di vita del cantante, come una sorta di terapia. Ermal ha espresso bene questo concetto: “Non ho mai scritto diari, ma musica. Tutto quello che avevo dentro cercavo di riversarlo nella musica. Certo, le prime canzoni non è che fossero granché“.

Molti utilizzano la musica per far innamorare… ma al cantante non è andata bene. A Verissimo, racconta di come ha ricevuto un due di picche da una ragazza che gli piaceva. Tentava di conquistarla davanti ad un falò, cantando e suonando una canzone a lei gradita nel miglior modo possibile. Poi la triste, spiacevole scoperta: “Lei mi guardava, io ho chiuso gli occhi, continuo a cantare. Poi mi giro e… stava limonando con un altro! Ci ho messo talmente tanto cuore che alla fine lei l’ha dato ad un altro“.

Ermal Meta
Fonte Foto: criticaeteatro.blogspot.com

Il singolo 9 Primavere dedicato alla ex: “la mia coperta quando avevo freddo”

Ermal Meta apre completamente il suo cuore e si commuove quando Silvia Toffanin gli chiede di raccontare come è nato il suo ultimo singolo 9 Primavere. Il brano, infatti, è autobiografico e parla dell’ultima storia d’amore che Ermal ha avuto e che è durata ben 9 anni, prima di finire. A quanto pare è una ferita che non si è rimarginata del tutto, tanto è vero che con gli occhi lucidi e la voce un po’ roca dice: “È il mio modo per ringraziarla perché senza la sua presenza io non ce l’avrei fatta a fare quello che ho fatto in questi anni. È stata l’ombrello tutte le volte che pioveva, la mia coperta quando avevo freddo“.

Poi fa sentire al pubblico una strofa estrapolata dalla canzone e commenta: “Le canzoni se non le tiri fuori, ti uccidono. Tendono a crescere con grande rapidità, non riesci a contenerle dentro di te“.

Ermal Meta a Verissimo e il tatuaggio di Fabrizio Corona

A fine intervista, la Toffanin cerca di far tornare il sorriso sul viso di Ermal, ancora commosso per il racconto dell’ex, e comunica al cantante che Fabrizio Corona si è tatuato la frase: “Non mi avete fatto niente” e che questa sarà anche la copertina del suo prossimo libro. Non mi avete fatto niente è il titolo della canzone con cui il cantante, insieme con Fabrizio Moro, ha vinto il Festival di Sanremo.

Ermal Meta prima ironizza: “E i diritti?” e poi torna ad essere il ragazzo dolce che tutti conosciamo: “Io non conosco Corona, le canzoni sono di tutti, lo scopo delle canzoni è quello di scriverle e liberarle nel mondo. Se qualcuno la fa sua va benissimo, deve essere così“.

Ringraziamenti finali al pubblico e ai fan

Alla fine del suo intervento a Verissimo, Ermal rivolge un pensiero a tutti coloro che l’hanno seguito, rinnovando l’invito per i prossimi concerti: “Grazie a tutti. La vera ragione di fare questo mestiere è il pubblico che ti sta davanti, che ti concede il suo tempo, le sue orecchie e il suo cuore. Mi avete sempre fatto sentire a casa, grazie! Il prossimo appuntamento, prima data della tournée, è a Milano. I biglietti sono andati tutti sold out in 4/5 ore ed è stato incredibili. Non vedo l’ora“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui