Roma, sgomberata fabbrica ex penicillina. Era anche un centro di spaccio

0
304
Sgomberata fabbrica ex penicillina

Da anni era abbandonata in mano agli spacciatori, casa di senza tetto, oggi a Roma è stata sgomberata la fabbrica ex penicillina di via Tiburtina.

Abitato da almeno 400 persone

Il ministro degli Interni si è recato sul luogo. All’interno dell’edificio vi erano circa 40 persone. Era abitato da circa 400-600 persone, la maggior parte extracomunitari, ma anche da italiani. Un senegalese, che ha lasciato spontaneamente l’edificio ha detto che la maggior parte “sono andati via tutti nei giorni scorsi – anche io ho dormito stanotte in strada”. Durante lo sgombero si sono visti parecchi nordafricani sulla Tiburtina mentre spingevano i loro trolley.

Sono 32 gli assistiti dal Campidoglio

Le forze dell’ordine, per permettere le operazioni di sgombero, hanno chiuso al traffico il tratto di via Tiburtina dal civico 1020 fino all’incrocio con via del Casal di San Basilio in direzione del grande raccordo anulare. Inaugurato nel 1950, il palazzo ex penicillina, da 2012 è stato occupato dagli extracomunitari. Questo dopo che il Comune di Roma aveva abbattuto il muro perimetrale dell’edificio per permettere l’ampliamento della via Tiburtina. La sala operativa dei servizi sociali del Campidoglio ha ufficialmente assistito a 32 persone che hanno lasciato spontaneamente l’edificio. Nei giorni scorsi la maggior parte degli occupanti aveva cominciato ad abbandonare il sito. All’interno un piccolo zoccolo duro costituito soprattutto da nordafricani. Al momento non è previsto l’abbattimento della struttura da 35mila mq.

Ricettacolo di spaccio e prostituzione

Il Comune di Roma non ha il compito di abbattere l’edificio. Questo è onore della della proprietà, ma poiché è in corso una procedura fallimentare e sull’area, il Tribunale ha nominato un custode giudiziario nessun intervento sarà previsto a breve. Vari gli interventi, nei mesi scorsi, delle forze dell’ordine, visto che la struttura era diventata un ricettacolo di spaccio di droga e prostituzione. Al suo interno è stato anche arrestato uno degli uomini accusati dello stupro di Desirèe Mariottini.

Contestato Casu

All’edificio, si è avvicinato, durante le operazioni di sgombero il segretario romano del Pd Andrea Casu. Un gruppo di sgomberati lo ha avvicinato e contestato duramente. questi gli hanno urlato “Vergogna. avete governato per anni. Siete responsabili di questa situazione e devi andare via”. Ne è nato un parapiglia e le forze dell’ordine hanno fatto allontanare Casu.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui