Strage di Corinaldo diciassettenne libero, gli avvocati: Contento ma provato

0
117
strage di corinaldo

Gli inquirenti sono ancora a lavoro per far luce su quanto successo la sera della strage di Corinaldo. È stata ufficializzata la notizia relativa al diciassettenne libero. Il ragazzo era stato ritenuto responsabile di aver immesso nell’aria il contenuto della bomboletta di spray al peperoncino. Restano in carcere il ventisettenne e la sua fidanzata.

Strage di Corinaldo gli indagati

Al momento sono 8 le persone indagate per la strage di Corinaldo, mentre è ancora da chiarire la posizione della coppia che al momento è ancora in stato di fermo, l’uomo sarebbe indagato per furto e spaccio di droga. (Per approfondire Clicca Qui). Il minorenne, invece, è indagato a piede libero per omicidio preterintenzionale, lesioni dolose e lesioni colpose per i fatti della discoteca. Il ragazzo quella sera è tornato a casa insieme alla madre, che ha assistito all’udienza. Gli avvocati Andrea Mone e Martina Zambelli, secondo quanto pubblicato da IlMesaggero.it, hanno dichiarato:.Il minorenne è contento di essere libero. È un ragazzo sensibile, intelligente, ma provato da un’avventura pesante, e anche dal dispiacere.per i ragazzi suoi coetanei morti o feriti fuori della discoteca. Un fatto di cui comunque nega di essere coinvolto, pur avendo fornito elementi significativi alla Procura minorile, che ora dovranno essere supportati da prove concrete“.

Nuovo video della strage

Il diciassettenne la sera della strage si trovava in un residence insieme alla coppia che al momento si trova in stato di fermo. In questo frangente nel gruppo Facebook del comitato “Giustizia per le vittime della Lanterna Azzurra” è stato pubblicato un nuovo video che racconta quanto successo nella discoteca nel momento dell’accaduto. Il video è stato pubblicato da Vincenzo Fiore, padre del pr diciassette, che qualche giorno fa ha rilasciato un’intervista esclusiva a noi di Free Press Online. (Per leggere le dichiarazioni Clicca Qui).

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui