Jova Beach Party, assessore Mirabella: “Nessun confronto con il team dell’artista”

0
1245
Jova Beach Party assessore mirabella
Fonte foto MessinaWebTv

L’assenza di una tappa siciliana nel Jova Beach Party di Lorenzo Jovanotti ha deluso gran parte dei suoi fan che vivono nella regione. Davvero in Sicilia non esiste una sola spiaggia che possa ospitare un evento simile? A intervenire sulla questione anche Barbara Mirabella, assessore alla Pubblica Istruzione, Attività e Beni Culturali, Pari Opportunità e Grandi Eventi.

“Un impatto emotivo decisamente positivo”

Ieri pomeriggio, noi di Free Pree Online, abbiamo avuto modo di incontrare il sindaco di Catania, Salvo Pogliese, alla presentazione del libro Antologia di Musica Leggera, a cura di Alessandro Russo e Gabriella Rossitto e pubblicato da Algra Editore tenutasi alla biblioteca Vincenzo Bellini. Il primo cittadino ha subito parlato dell’assenza di una tappa siciliana del Jova Beach Party come una grave perdita per la città di Catania. (Per approfondire i fatti Clicca Qui),

Di questa stessa opinione è anche l’assessore Barbara Mirabella che, raggiunta telefonicamente dalla nostra redazione, ha dichiarato: “Noi non abbiamo mai avuto modo di parlare con il team del cantante o con gli organizzatori dell’evento che si occupano della supervisione delle spiagge. So che hanno avanzato delle richieste particolari per quanto riguarda le dimensioni, che purtroppo le nostre spiagge non hanno. Noi come amministrazione, comunque sia, ci siamo resi completamente disponibili per la realizzazione dell’evento anche perché siamo estremamente convinti che possa portare alla città un vantaggio economico, come i grandi eventi hanno, ma non solo… Un evento come il Jova Beach Party avrebbe portato anche un impatto emotivo decisamente positivo, in un momento in cui la città cerca aggregazione e ha bisogno che le cose si muovano“.

Continua dopo la foto

Lorenzo Jovanotti instagram

Assessore Mirabella: “Assenza di una buona mediazione”

L’assessore, inoltre, ha spiegato: “Io sono convinta, dato che Jovanotti ama la città di Catania e la Sicilia, che se, come ho chiesto varie volte, fossi riuscita a mettermi in contatto con lui, questo avrebbe ascoltato il nostro ‘grido di aiuto e affettuoso’. Inoltre, un evento del genere, in un momento particolare come questo del dissesto, sarebbe stato importante almeno essere ascoltati. Purtroppo, non credo per colpa del team dell’artista, ma per ragioni di mediazione che ci sono tra città come la nostra e gli organizzatori, non siamo mai riusciti a parlare con il team organizzativo”.

 

“La location pare che sia stata scartata per….”

Ricordiamo inoltre che l’amministrazione di Catania aveva dato la sua disponibilità per le spiagge libere della Playa, ma queste non sono state ritenute idonee a ospitare un evento della portata de Jova Beach Party. “L’amministrazione, come detto dal sindaco Pogliese (Per leggere la dichiarazione Clicca Qui), aveva dato la disponibilità per le spiagge libere 1, 2 e 3 della Playa– continua l’assessore-. La location pare che sia stata scartata per un problema di dimensione, insieme al costante rumore derivante dal continuo passaggio degli aerei. Ad ogni modo non entro in merito alle necessità logistico organizzative“.

Oggi è più forte il nostro grido di non abbandonare la Sicilia,- conclude l’assessore Mirabella- in particolar modo Catania, rivolto a un artista come Jovanotti che ha sempre amato la nostra regione. Un evento del genere sarebbe stato per la città un’opportunità speciale che hanno deciso di farci perdere, ma con noi non si sono mai confrontati“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui