Inter Napoli, ecco la vittima degli scontri pre gara, Daniele Belardinelli 39enne ultrà con 5 daspo

2
452
Inter Napoli la vittima Daniele Belardinelli con 5 daspo
Un’ora da Inter Napoli, in via Varese viene investito un uomo che morirà in ospedale, la vittima degli scontri pre gara è Daniele Belardinelli un ultrà con 5 daspo. Ma fuori dallo stadio era completamente diverso.

Belardinelli capo ultras con 5 daspo

La vittima degli scontri pre gara di Inter Napoli è Daniele Belardinelli, 39enne tifoso del Varese e capo del gruppo ultrà “Blood & Honour”. Viso conosciuto dalle forze dell’Ordine e colpito complessivamente da 5 daspo. Nel 2007 fu uno dei protagonisti delle tensioni nel pre gara di Varese- Lumezzane. Si chiedeva alla società di non giocare la partita dopo la morte del ultras della Lazio Gabriele Sandri, colpito da un proiettile esploso da poliziotto Luigi Spaccarotella. Fu infatti lui a colpire con uno schiaffo l’allora dirigente del Varese Sean Sogliano. Nel 2012 un’altra daspo per degli scontri dopo l’amichevole Como-Inter, finita con 2 ore di guerriglia urbana.

Belardinelli atleta padre e lavoratore

Fuori dallo stadio un’altra persona, uno sportivo, una persona solare di quelli che non protestavano mai. Atleta di arti marziali. Nella sua carriera vari i suoi successi sia a livello nazionale che internazionale. I suoi compagni di squadra si ricordano che non protestava mai per le decisioni arbitrali. Sempre corretto leale sportivamente, tanto da  non aver mai avuto un richiamo o una squalifica durante le gare. Lascia due figli, il più grande di 12. Di mestiere piastrellista, lavorava in Svizzera ed è morto a Milano, chissà per quale motivo.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui