Tumore della cervice: in arrivo un nuovo test diagnostico

0
254
Tumore della cervice

Un nuovo test diagnostico sarebbe in grado di rilevare il 100% dei tumori della cervice uterina. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista International Journal of Cancer dagli scienziati della Queen Mary University di Londra (Regno Unito) e del BC Centre for Disease Control di Vancouver (Canada), secondo cui l’esame sarebbe più efficace del Pap test, in grado di rilevare solo circa il 50% delle lesioni precancerose, e del test per la ricerca del Papillomavirus (test Hpv), un metodo di screening cervicale più accurato, che rileva la presenza del Dna del Papillomavirus umano, che però presenta una criticità: indica solo se le donne sono state infettate o meno dal virus, ma non fornisce informazioni sul reale rischio di cancro, generando inutili preoccupazioni nelle pazienti infette che alla fine eliminano il virus senza sviluppare la malattia.

Le novità sul test

Questo test rappresenta un enorme passo avanti, osserva Attila T. Lorincz, che ha coordinato la ricerca e che nel 1988 ha contribuito a sviluppare il primo test al mondo per l’Hpv. Non siamo solo sbalorditi dal modo in cui questo test rileva il cancro della cervice, ma è la prima volta che qualcuno dimostra il ruolo chiave dell’epigenetica nello sviluppo di un importante tumore solido utilizzando i dati dei pazienti in clinica. Questo test del cancro del collo dell’utero rileva i cambiamenti epigenetici, ed è esattamente questo il motivo per cui funziona così bene. Contrariamente a quanto afferma la maggior parte dei ricercatori e dei clinici, stiamo ottenendo sempre più dimostrazioni che è l’epigenetica e non le mutazioni del Dna a determinare una serie di tumori precoci, tra cui quello della cervice uterina, quello anale, quello orofaringeo, quello al colon e il cancro alla prostata”. Gli scienziati hanno confrontato l’efficacia del nuovo test, che esamina i marcatori chimici presenti sul Dna che ne costituiscono il “profilo epigenetico”, con quella del Pap test e del test Hpv, in uno studio clinico condotto su 15.744 donne canadesi, di età compresa tra 25 e 65 anni. La sperimentazione ha dimostrato che il nuovo esame si è rivelato significativamente più accurato rispetto agli altri due metodi diagnostici: ha individuato il 100% degli otto tumori della cervice uterina che si sono sviluppati nelle partecipanti nei cinque anni successivi all’inizio dell’indagine. Il Pap test è stato in grado di rilevare solo il 25% dei tumori, mentre il test Hpv il 50%.

Il prosieguo degli studi

I ricercatori hanno poi esaminato un sottogruppo composto da 257 donne positive all’Hpv. In questo caso, il nuovo test ha rilevato il 93% delle lesioni pre-cancerose, mentre il Pap test soltanto il 61% e la combinazione tra Pap test e test HPV l’86%. Alla luce di questi risultati, gli autori ritengono che l’uso del nuovo test nella clinica potrebbe ridurre il numero delle visite mediche e degli screening, perché permetterebbe di diagnosticare precocemente il rischio di cancro.

continua dopo la foto

test diagnostico cervice

Inoltre, osservano che se fosse pienamente implementato, questo metodo potrebbe anche essere più economico del Pap test.

La rivoluzione nello screening

Questo rappresenta davvero un enorme passo avanti nel modo di trattare le donne e gli uomini infetti da Hpv e potrebbe rivoluzionare le modalità di screening, conclude il professor Lorincz. Siamo rimasti sorpresi dal modo in cui il nuovo test è stato in grado d’individuare e prevedere in anticipo i tumori precoci della cervice, rilevando il 100% dei tumori, inclusi gli adenocarcinomi, che costituiscono un tipo di cancro molto difficile da rilevare”.

Dott. Luca Ferlito
ferlitoluca@gmail.com
Cell 3334472360

Vuoi rimanere sempre connesso?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui