La Sicilia trema di nuovo: nuova scossa sull’Etna a Milo di magnitudo 4.1

0
102
Sicilia trema ancora
Fonte Foto: meteoweb.eu

La Sicilia trema di nuovo e nuove scosse di terremoto sull’Etna, la più forte di magnitudo 4.1 a 10 km da Milo (Catania).

Terremoto magnitudo 4.1

Non si arresta lo sciame sismico che sta colpendo da un po’ la Sicilia Orientale. Alle 00:50 una nuova scossa alle pendici dell’Etna ha fatto terrorizzare nuovamente la popolazione. L’ipocentro del sisma è stato rilevato a 2 km di profondità. Il terremoto aveva l’epicentro tra Linguaglossa, Sant’Alfio e Milo. Non si riportano, però, danni a persone o cose, solo tanta paura, secondo quanto confermato dalla Protezione Civile. Si continua a monitorare l’evolversi della situazione in stretta comunicazione con Ingv e con la Regione Siciliana.

Oltre 70 scosse complessive

Secondo quanto spiega Ingv: “Va sottolineato che il terremoto odierno ha colpito una zona posta oltre 20 km a NNW della zona interessata dall’evento di magnitudo 4.9 del 26 dicembre scorso, localizzata in prossimità di Viagrande (CT), sul versante sud-orientale dell’Etna. Va però ricordato che queste attivazioni quasi contemporanee di aree diverse e periferiche rispetto all’edificio vulcanico rappresentano una caratteristica ricorrente dell’Etna“.

“Nell’eruzione del 2002 si era verificato un fenomeno simile, ma a parti invertite. Allora i terremoti iniziarono sul versante nord-orientale il 27 ottobre, e furono seguiti il 29 ottobre da attività sul versante sud-orientale, culminata con una scossa di magnitudo 4.7 che causò crolli e danni diffusi a Bongiardo, una frazione di Santa Venerina (CT)“.

E poi continua: “Fino a questo momento (ore 10.30 del 9/1) dall’inizio dell’attività etnea (il 23 dicembre) sono avvenute complessivamente nell’area oltre 70 scosse con magnitudo superiore a 2.5 (di cui 5 con magnitudo pari o superiore a 4), la maggior parte delle quali sono localizzate a sud dell’epicentro odierno“.

Terremoto Catania e Meridione
Fonte Foto: strill.it

Allerta anche per lo Stromboli e Messina

Scossa più lieve si è verificata all’1:40 al largo di Messina, con magnitudo di 2.7 e la profondità è di 135 km. Sale anche l’allerta per lo Stromboli e il sindaco di Lipari Marco Giorgianni ha vietato le escursioni in cima al vulcano. Ha spiegato: “Il numero di esplosioni e i valori dell’energia sono aumentati e ci sono segnali che è alta nei condotti magmatici interni. La situazione al momento rientra nella norma“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui