A difesa della Tav Piemonte e Lombardia pronti al referendum

1
204
A difesa della Tav Piemonte e Lombardia

A difesa della Tav presidenti di Piemonte e Lombardia Sergio Chiamparino, e Attilio Fontana, sono pronti ad un referendum consultivo nelle regioni del Nord.

Chiamparino e Fontana pronti al referendum

Il governatore del Piemonte Sergio Chiamparino è convinto che vi sia una crepa nel governo legata alle valutazioni differenti, tra Lega e M5S, sulla Tav Torino-Lione. Lo scontro tra le due forze politiche al governo, secondo Chiamparino “non sarà comunque positivo per il Paese e per il Piemonte“. Secondo lui, infatti, si “determina una situazione di incertezza“. Chiamparino poi continua rilevando che “I dati tecnici ci sono, li completi e decida. Se (il governo) dirà no alla Tav, chiederò al Consiglio regionale di indire con apposita legge un referendum consultivo al quale, se lo riterranno, potranno unirsi i colleghi di Veneto, Lombardia, Valle d’Aosta, e Liguria, in modo da avere una grande giornata in cui tutto il Nord Italia si pronunci su un eventuale decisione di bloccare la Tav”.

Al presidente del Piemonte si accoda quello della Lombardia Attilio Fontana, che all’Ansa ha detto che “la Tav è un’opera che serve e che va fatta. Se per raggiungere questo obiettivo è necessario un referendum faremo anche questo”.

Ghiazza: Di Maio dai conto pure a noi e non solo ai gilet gialli”

Patrizia Ghiazza promotrice del comitato “Si Torino va avanti“, nel presentare la nuova manifestazione di sabato a Torino a favore della realizzazione della Tav ha detto che Di Maio dovrebbe “dedicare attenzione anche per i manifestanti italiani. E non solo a quelli francesi”. Chiaro il riferimento alle parole di sostegno del vicepremier pentastellato a sostegno dei gilet gialli.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui