Tav bocciata dalla relazione che il Mit trasforma in bozza

1
42
Città Metropolitana di Torino che dice si alla Tav.

La Tav Torino-Lione è stata bocciata dal relazione che contiene l’analisi costi benefici, ma il Mit la trasforma in una bozza. Troppe le pressioni intorno all’opera. Salvini evoca il referendum.

La questione sulla costruzione della Tav Torino- Lione, continua ed è oramai evidente che qualsiasi decisione venga presa non dipenderà sicuramente da valutazioni economiche, logistiche e di impatto ambientale. Sembrerebbe, infatti, dipendente solo da accordi e scambi politici tra i due partner di governo, ognuno con le sue pressioni dietro a cui dare conto.

Analisi costi benefici boccia l’opera

A dire che la relazione con l’analisi costi benefici sulla Tav Torino-Lione era stata consegnata   il professor Marco Ponti, uno degli esperti incaricati dal governo. Lo ha fatto durante un confronto su SkyTg24 con il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino. Il professore no fa riferimento al contenuto della relazione, ma vengono fuori rapidamente le indiscrezioni. L’opera, secondo l’analisi costi benefici è stata bocciata. Da qui in rapida successione le precisazioni del Mit che quella arrivata è “solo una bozza preliminare”. Questo conferma le tante pressioni che gravitano sulla realizzazione dell’opera.

Dal Mit infatti hanno puntualizzato che:”Il documento ricevuto dal professor Ponti e dalla sua task force è una bozza preliminare di analisi costi-benefici sul Tav Torino-Lione e che è allo studio della Struttura tecnica di missione del Mit per un vaglio di conformità rispetto alle deleghe affidate ai consulenti del ministero“.

Le attese di Palazzo Chigi

Da Palazzo Chigi fanno sapere che si sta prendendo tempo e che nessuna decisione è stata presa. Da un lato il M5S vuole lo stop, dall’altro la Lega che ne vuole la realizzazione. Salvini in un’intervista su Rti ha detto che “Al governo si discute, anche sulle infrastrutture. Io sono a favore di nuove strade e ferrovie. La Tap, ad esempio, è in corso di lavorazione. Sono a favore della Tav e affinché vada avanti. Se l’analisi dei tecnici sulla Tav fosse negativa, nessuno di noi vorrebbe né potrebbe fermare una richiesta di referendum”.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui