Cuscini contenenti droga a Catania, arrestato un pusher ventunenne

0
365
cuscini contenenti droga
Fonte Foto: lasiciliaweb.it

La Polizia ha scoperto un giovane pusher di Catania che, presso la sua abitazione, aveva dei cuscini contenenti droga. Il giovane aveva pensato che fosse un rifugio sicuro dove nascondere la marijuana.

Arrestato pusher ventunenne

Diego Verona è il ventunenne arrestato dalla Polizia per spaccio di droga. Il giovane vendeva maijuana in casa nel quartiere San Cristoforo e, per non destare troppi sospetti, la nascondeva.dentro l’imbottitura dei cuscini della camera da letto della sua abitazione.

Il sospetto della Polizia e la conferma

Il pusher abita in una delle più famose e trafficate vie del quartiere San Cristoforo di Catania. La polizia ha notato diverse auto che si recavano sempre in quello stesso luogo e subito hanno iniziato a sospettare un’eventuale, poi verificatasi reale, sede in cui si spacciava droga. Un grande traffico intorno a quella casa, in cui c’erano sia auto che persone, che si fermavano e poi riprendevano il tragitto, dopo aver fatto “affari” con il pusher, affacciato alla porta.

Così gli agenti, nella serata di ieri, si sono appostati in un punto strategico accanto l’abitazione del 21enne e hanno potuto constatare che i sospetti fossero reali.

Continua dopo la foto

Confisca beni imprenditori vicini Matteo Messina Denaro

80 bustine di marijuana pronte ad essere vendute

La Polizia si è recata presso l’abitazione del pusher, che si mostrava parecchio agitato dalla “visita” inaspettata. Gli agenti hanno trovato, dentro i cuscini in camera da letto, circa 80 bustine in plastica con la marijuana, probabilmente pronte per essere consegnata dai suoi acquirenti. Oltre a queste, erano presenti in stanza anche due bilance di precisione e una cospicua somma di denaro, probabile guadagno derivante dallo spaccio di droga.

Il pusher Diego Verona, non potendo più negare l’evidenza, ha ammesso le sue responsabilità ed è stato prontamente arrestato.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui