Racconta differenziata Dusty a Catania Bene Comune: “Ecco i dati”

0
255

La Dusty risponde all’associazione Catania Bene Comune alla polemica sui dati della raccolta differenziata nel mese di dicembre.

Dusty contro Catania Bene Comune: “Ingiuriosi”

La Dusty ritiene sterile la polemica montata da Catania Bene Comune sui dati e le percentuali della raccolta differenziata, e considera ingiuriosa la posizione avanzata dalla medesima associazione che nel riportare un dato registrato nel mese di dicembre, vuole far supporre che si tratti di una “strategia” studiata ad arte. Ma eventualmente da chi?

Invita l’associazione ad un confronto, peraltro già richiesto dalla proprietà ad inizio appalto, e che qui si rinnova. La Dusty conferma l’esattezza del dato diffuso il 22 dicembre, che si riferiva alla settimana rilevata 10/16 dicembre, quando la percentuale sulla differenziata era a doppia cifra. Per l’esattezza il 10.98% (il dato della differenziata, all’avvio dell’appalto nella settimana 17/23 settembre era del 3,01%).

Alcuni dati sulla differenziata

Nelle settimane successive, in seguito alla chiusura delle piattaforme nei giorni festivi a cavallo tra Natale e Capodanno, la percentuale settimanale è scesa portando quindi la media del mese di dicembre ad un dato complessivo finale dell’8%. Ed è a questo dato a cui fa riferimento CbC. Si è passati infatti, dal 10,98% (al 16 dicembre) all’8,99% (17/23 dicembre), poi al 6,42% (settimana dal 24 al 30 di dicembre). Un calo fisiologico dovuto esclusivamente alla chiusura degli impianti.

È importante notare che le rilevazioni vengono effettuate il lunedì successivo alla settimana interessata. Dunque, i dati diffusi il 22 dicembre si riferivano alla settimana compresa fra il 10 e il 16. Il resto dei dati era ancora sconosciuto, anche alla stessa Dusty.

Lavoro di educazione giornaliero

Dusty ha gettato le basi di un ponte per avviare un processo di crescita attraverso le numerose iniziative sul territorio. È presente nelle scuole con Dusty Educational, attraverso le campagne di sensibilizzazione fatte anche sui media e le testate giornalistiche, e l’organizzazione di corsi di compostaggio finalizzati alla consegna di compostiere a quei cittadini che hanno almeno 250 mq di giardino, con la consegna della “Chiave della Bellezza” ovvero la bonifica straordinaria dei quartieri che ruotano intorno al centro storico per far sì che i residenti si riapproprino del “proprio” quartiere e lo curino come se fosse la loro casa, altro non vuole essere se non uno strumento di divulgazione e conoscenza e la non più procrastinabile necessità di approcciarsi all’ambiente in maniera finalmente consapevole ed etica. Azioni, queste, che nonostante gli evidenti sforzi della cittadinanza richiedono tempo, assestamento e consolidamento.

Servizi dedicati porta a porta

Per favorire la differenziata e abolire il proliferare delle microdiscariche nei quartieri periferici, in cuii rifiuti provengono anche dai residenti dei comuni limitrofi, ein cui era prevista la raccolta con i contenitori, Dusty ha iniziato ad avviare servizi di raccolta dedicati porta a porta.

Ad esempio, sono stati consegnati i mastelli per la differenziata in via Nicola Calipari, ai confini settentrionali del capoluogo etneo a cavallo tra i comuni di Catania, San Gregorio di Catania e Tremestieri Etneo. Il servizio, con le stesse modalità del porta a porta, è stato fornito anche ai residenti del Villagio Dusmet e del complesso residenziale Le Rossignol in zona Viale Lainò. Complessivamente sono state servite di mastelli per la raccolta differenziata oltre 300 famiglie censite all’interno dei vari distretti abitativi, attraverso i volontari ambientali che hanno svolto anche l’attività di informazione all’utenza. Ci si aspetta massima collaborazione da parte della cittadinanza affinché sia garantita la correttezza dei conferimenti.

Lavoro nei mercati cittadini

L’intervento di consegna dei carrellati e la debita informazione sulle modalità di conferimento, ha riguardato non solo i grandi mercati della Pescheria e di Piazza Carlo Alberto, ma anche i mercatini rionali settimanali, dove squadre apposite di operatori Dusty consegnano giornalmente ai commercianti i sacchi per la differenziata dell’organico, plastica e carta. Oltre alla consegna, quotidianamente viene effettuato un controllo coadiuvato dagli ispettori della Polizia municipale e tutto questo ha fatto sì che il conferimento dell’umido mercatale raggiunga punte di 8.000 kg al giorno, che prima di Dusty andavano a finire in discarica come rifiuti indifferenziato, ahimè!

Oltre a ciò, sono state dotate di carrellati e/o cassoni per le varie frazioni per la raccolta differenziata le utenze commerciali come ristoranti, alberghi, supermercati.

Tutte azioni quelle appena elencate, non previste dal capitolato d’appalto e che Dusty sta portando avanti con l’obiettivo di aiutare i catanesi a fare la corretta raccolta differenziata e ridurre i costi di smaltimento in discarica del rifiuto indifferenziato, riferiscono dall’azienda.

 

Vi sono inoltre una serie di prestazioni aggiuntive non retribuite portate avanti da Dusty quali i servizi domenicali, lo svuotamento dei cestini in via Etnea che viene effettuato più volte al giorno, lo spazzamento di ville e alcune piazze che non sono previste in maniera evidente nelle pieghe di un capitolato, considerato da tutti carente, che Dusty malgrado tutto sta effettuando.

I dati del 2019


Fatte salve le settimane di Festa, i dati hanno subito ripreso quota con l’inizio del nuovo anno. La prima risalita riguarda già il periodo fra Capodanno e l’Epifania (8,57%). Nella settimana fino al 13 gennaio, il dato della differenziata è stato del 9,98%. Frutto anche di un’iniziativa pilota: installare per il mese corrente, le isole ecologiche mobili nei quartieri lontani dai 2 centri comunali di raccolta disponibili in città.

I dati che pervengono al Comune di Catania, sono forniti dalla Dusty e censiti con puntualità, precisione e senso di responsabilità. Ed è pertanto attendibile il dato diffuso a dicembre, che si riferiva ad una percentuale settimanale, mentre la nota di Catania Bene Comune punta l’attenzione sul dato successivo di fine dicembre. Non c’erano menzogne dunque nella comunicazione effettuata, ma solo la volontà di testimoniare una crescita che è tornata ad essere evidente già con l’inizio dell’anno nuovo.

La rete virtuosa creata da una esperienza di 40 anni

La rete virtuosa che Dusty sta creando lavorando creativamente con energia ed entusiasmo non si esaurirà perché è da 40 anni che Dusty combatte per un mondo migliore seminando bellezza intesa come etica, rispetto del prossimo, solidarietà, onestà intellettuale, credibilità e cultura per l’ambiente.

Criticare è facile, costruire è difficile. Quando si innesta un processo di crescita, cambiamento e inversione di rotta, occorrono tempi lunghi e Dusty gestisce il servizio di igiene urbana soltanto da 130 giorni.            
Nell’avviare l’appalto, Dusty non ha inteso firmare il contratto solo con l’Amministrazione comunale, ma con i cittadini che vogliono collaborare“. Commentano duramente dall’azienda.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui