Giornata europea della protezione dei dati personali: la tutela delle risorse digitali

0
483
Giornata europea protezione dati personali
Fonte Foto: quotidianogiuridico.it Security concept: pixelated words Privacy on digital background, 3d render

Dal 2007, il Consiglio d’Europa con il sostegno della Commissione europea e delle Autorità europee per la privacy celebra una vera e propria.Giornata europea della protezione dei dati personali. L’obiettivo è quello di sensibilizzare maggiormente i cittadini sulle proprie libertà fondamentali e sulla tutela.della loro vita privata, escludendo chi non ne fa parte e vuole appropriarsene.

Attenzione agli hacker

Molto spesso, più comunemente di quanto pensiamo, i nostri dati sensibili sono in preda a numerosi hackers che riescono a effettuare furti d’identità, anche solo tramite delle email truffa (per saperne di qui, leggi il mio articolo: Clicca Qui).

Bisogna quindi conoscere quali sono i modi per tutelarsi al meglio e per arginare il problema. Innanzitutto, bisogna partire da una maggiore sensibilizzazione e interesse sul tema, correlato col corretto utilizzo dei mezzi informatici e dei propri dati sensibili. Questo può garantire maggiore sicurezza a non vedersi espropriati della propria privacy e non chiedersi: “Come mai è successo?“. Ogni problema ha una soluzione, quindi, non facciamoci cogliere impreparati.

Difendere i dati, per proteggere sé stessi

Nella società odierna, tanto tecnologica e sempre più social, è necessario comprendere quanto importante sia tutelare e proteggere i propri dati personali. Ormai, il trattamento delle informazioni personali è ovunque e per qualsiasi cosa è richiesto il nostro consenso.

Ma a che pro? Una sorta di monito per ricordarci che internet è pieno di database con i nostri dati e, acconsentendo, l’azienda si elimina ogni responsabilità e la palla passa a noi. Gli utenti devono essere coscienti che le informazioni private, che vanno dal numero di carta di credito al nostro indirizzo di casa, vanno inserite con estrema cura sul web.

Ma occorre fare una distinzione: ci sono, ovviamente, siti web sicuri, certificati e altri che bisogna attenzionare prima di immettere in circolo qualsiasi tipo di dato sensibile.

Un consiglio estremamente utile e da non sottovalutare è quello di dotarsi, sempre, di password sicure, non comuni, scelte casualmente in base ad una combinazione prestabilita di simboli, numeri e lettere (per scegliere un’ottima password, leggi i miei consigli: Clicca Qui).

Continua dopo la foto

privacy e dati sensibili
Fonte Foto: studiocrispino.com

I dati personali: un valore in termini assoluti

I dati personali vanno tutelati in qualsiasi modo, costituendo un valore in termini assoluti data la stretta correlazione con l’essere umano. Il tema, a mio avviso, è estremamente delicato e non serve semplicemente un’attività di sensibilizzazione, ma occorre una vera e propria consapevolezza che è necessario rispettare sempre la legge sulla protezione dei dati personali, accrescendo il confronto tra i vari utenti, raccontando le proprie esperienze personali. Il tutto per evitare che alcuni, magari particolarmente abili col pc, possano privarci dei nostri dati sensibili, che rappresentano la nostra identità virtuale.

Massima attenzione, quindi, perché anche se non sembra così, in verità, qualsiasi acquisto richiede l’inserimento di contenuti strettamente personali. Proprio perché appartengono solo a noi e siamo “costretti” a condividerli in questo mondo sempre più digitale, bisogna imparare a distinguere quando farlo da quando conviene evitare.

Alberto Contaldo

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui