La complessità dell’accoglienza, educatori senza garanzia per il futuro

0
215

“Siamo lavoratori e lavoratrici del sociale, educatori, educatrici, mediatori, operatori sociali e legali Senza garanzie per il nostro futuro”. Questa la denuncia degli operatori che operano nel sociale.

“Siamo lavoratori e lavoratrici del sociale. Educatori, educatrici, mediatori, operatori sociali e legali. Facciamo il nostro lavoro con impegno e professionalità, ma subiamo la precarizzazione del lavoro, lo sfruttamento, il ritardo nei pagamenti. A scriverlo in una nota  è il Gruppo Educatori Catania.

“Nessuna garanzia per il nostro futuro”

Ci viene chiesto di affrontare problematiche sociali complesse, senza avere nessuna garanzia per il nostro futuro, spesso senza neanche sapere se a fine mese riceveremo lo stipendio che ci spetta – continuano – Molti di noi lavorano nel settore delle migrazioni, settore che a causa della gestione miope ed emergenziale voluta dalla politica nazionale e locale negli ultimi anni, ha visto proliferare molte cooperative, alcune delle quali sono spesso più attente al profitto ed alla visibilità che al rispetto dei diritti dei lavoratori e delle persone accolte“.

Le preoccupazioni di Usb Coop Sociali

Sul problema occupazionale è intervenuto anche il sindacato Usb Cooperative Sociali. “Sono a rischio gli operatori e le operatrici di Sprar, Cara e Cas – dice il sindacato preoccupato dall’entrata in vigore del decreto Salvini.Sono circa 40mila gli esuberi degli addetti all’accoglienza in tutto il territorio italiano. È inaccettabile che il governo del cambiamento mentre annuncia il varo del Reddito di Cittadinanza  come misura di politica attiva, predisponga contemporaneamente il taglio netto di decine di posti di lavoro. A Professionalità e competenze, spesso precari e mal pagati, viene dato il ben un clamoroso ben servito“. A Roma il 13 febbraio alle ore 15, in via Giolitti 213, un assemblea degli operatori e operatrici del settore accoglienza per la salvaguardia dei posti di lavoro e per l’apertura di un tavolo di crisi al Ministero del Lavoro.

Continua dopo la foto

Per questo motivo, dopo l’incontro con USB Federazione del Sociale di novembre, vi invitiamo a discutere del sistema di accoglienza in Italia Presenteremo il libro collettivo “il sistema di accoglienza in Italia: esperienze, resistenze, segregazioni.”, con una delle autrici, Yasmine Accardo“.

VENERDI 8 FEBBRAIO 2018 CSP G. Giuffrida VIA VITTORIO EMANUELE 436
!!A seguire cena a sottoscrizione!!

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui