Ospedale di Acireale: tentata rapina con sequestro

0
108

Momenti panico vissuti all’Ospedale di Acireale dove quattro persone incappucciate hanno fatto irruzione nel nosocomio, sequestrato e aggredito due addetti al ticket al fine di ottenere gli incassi custoditi in cassaforte.

Rapina con sequestro all’ospedale di Acireale

È avvenuto giovedì scorso, ma la notizia è emersa oggi: una banda di quattro malviventi incappucciati, dopo aver sequestrato e malmenato i due addetti all’ufficio ticket dell’Ospedale di Acireale, ottenuta così la combinazione della cassaforte, hanno tentato di accedere al contenuto della stessa, ammontante a circa ventimila euro.

Un errore di uno dei rapinatori nell’inserimento avrebbe fatto scattare il sistema antirapina della cassaforte, con il furgone della banda conseguentemente datosi alla fuga, abbandonando i due impiegati sequestrati in zona Lavinaio.

Continua dopo la foto

Confisca beni imprenditori vicini Matteo Messina Denaro

Necessità di provvedimenti di rafforzamento

La FIALS Catania, tramite il proprio Segretario Provinciale, Agata Consoli, si è prontamente messa in contatto con i vertici dell’ASP, significando la propria solidarietà, a partire dalle due vittime dell’ignobile atto. Preso atto dell’intenzione dell’azienda, a tutela di lavoratori ed utenza, di procedere con provvedimenti di rafforzamento delle misure e delle infrastrutture di sorveglianza e sicurezza in tutte le proprie strutture che prevedono a riscossione del ticket, la FIALS è vicina all’utenza in un momento di comprensibile caos, invitando alla calma e ad un atteggiamento collaborativo, in previsione di un ritorno alla normalità che possa essere quanto più possibile celere e completo.

Agata Consoli ha anche sottolineato la necessità di porre l’attenzione su problematiche che hanno interessato i vertici che hanno interessato l’ospedale di Acireale. Le difficoltà di organizzazione interna e distribuzione del personale debbano essere risolte il più speditamente possibile, a tutela della salute collettiva come anche della sicurezza, in primis di quanti in quell’ospedale prestano la propria opera professionale e lavorativa.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui