Pastori sardi in protesta, prezzo latte troppo basso

0
61
pastori sardi protesta prezzo latte basso

A Villacidro i pastori sardi danno vita ad un’altro atto di protesta contro il prezzo troppo basso del latte. I manifestanti lo buttano a terra. Blocchi stradali in tutta l’isola. Conte in Sardegna con il ministro dell’agricoltura Centinaio.

L’origine della protesta del latte

Centinaia di pastori della filiera del latte hanno dato vita ad una manifestazione a Villacidro in Sardegna contro la speculazione da parte dei trasformatori del latte. Il latte, come riferito dai pastori, viene pagato loro a 60 centesimi a litro, troppo poco. Sulla trasformazione del latte per fare formaggi, vi è troppa speculazione. Riferiscono che per fare un chilo di formaggio ci vogliono 5 litri di latte e viene venduto a 15 euro al chilo. Facendo i conti, le aziende per chilo di latte spendono in materia prima 3 euro, e ai banchi arriva con un prezzo lievitato per cinque volte.

Le richieste dei manifestanti

Tra le accuse dei manifestanti vi è che i distributori ed i trasformatori, a loro dire, prenderebbero del latte non sardo e lo “spaccerebbero per tale“. In più i produttori, lamentano l’aumento delle spese per tutti i controlli e le certificazioni necessarie e pertanto il prezzo pagato a loro è assolutamente insufficiente. Pertanto chiedono l’aumento del prezzo a loro pagato ad 1 euro al litro più iva e controlli sia sull’effettiva provenienza del latte lavorato dai trasformatori che sull’eccessiva speculazione, fatta a loro dire con il loro sangue”.

Ieri sera nella partita di serie A a San Siro tra Milan e Cagliari, la squadra sarda è scesa in campo con una maglietta con su scritto: “Solidarietà con i pastori sardi“.

Conte in Sardegna

Con la protesta che si è estesa in tutta l’isola, dove i pastori bloccano varie strade, in arrivo a Cagliari il premier Giuseppe Conte e il ministro dell’Agricoltura Gian Marco Centinaio nel tentativo di sbloccare la situazione. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha commentato che se serve a garantire l’ordine pubblico anche lui è pronto ad andare in Sardegna. In più ad aggiunto che “doveva risolvere il problema degli agricoltori sardi la Regione, che è a statuto speciale“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui