Matteo Salvini ha chiamato Mahmood per scusarsi: “Mi sono sentito in torto”

0
132
Matteo salvini chiede scusa a mahmood

Le polemiche dopo Sanremo sembrano non voler arrestarsi. Dopo quanto successo con Ultimo, ecco la news che un po’ tutti aspettavano: Matteo Salvini ha chiamato Mahmood per scusarsi a causa delle bufera dei social.

Mamhood è italiano?

Le origini di Mahmood hanno fatto molto discutere in occasione del Festival di Sanremo 2019. Alessandro Mahmood, nato da mamma sarda e papà egiziano ben 25 anni fa nel cuore di Milano. In molti però hanno sorvolato sul fatto che fosse nato in Italia, che la mamma sia italiana, focalizzandosi solo sul fatto che il papà è egiziano e che vive in Italia da oltre 25 anni (Si deduce che il padre comunque sia arrivato nella nostra nazione ancor prima di conoscere la mamma del vincitore del Festival di Sanremo ndr.) Chi siamo noi per dire che Mahmood non è italiano? Le ripetizioni e il giro di parole sono necessarie per imprimere il concetto nella mente di chi legge. Mahmood è un ragazzo italo-egiziano, che tiene molto alle sue origini e non solo.

Continua dopo la foto

sanremo 2019 vince mahmood

“Mi sento italiano al 100%”

A rispondere in modo eccellente è stato lo stesso vincitore di Sanremo che, come riportato dall’Ansa, ha dichiarato: “ La musica è soggettiva e ognuno ascolta ciò che vuole. Io comunque sono nato a Milano e sono un ragazzo italiano al 100%. Per me non è una nuova generazione. Già alle elementari nella mia classe c’erano africani, russi, sudamericani. Per me non è la nuova Italia, ma è già la vecchia“.

Matteo Salvini chiama Mahmood per scusarsi

Ebbene sì, avete capito benissimo, è accaduto davvero… Matteo Salvini ha chiamato Mahmood per scusarsi! A raccontare il tutto è stato lo stesso Ministro dell’Interno in occasione di un’intervista rilasciata a La Stampa: “Mi sono sentito in torto da chiamarlo. È un ragazzo italiano che suo malgrado è stato eletto a simbolo dell’integrazione, ma lui non si deve integrare, è nato a Milano. Lo hanno messo al centro di una storia che non gli appartiene“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui