Crollo Morandi, guerra tra periti sullo stato della pila 8

0
175
decreto genova incostituzionale

Sul crollo del ponte Morandi è guerra di opinioni tra i periti nella valutazione sullo stato della pila numero 8.

Per i periti della Procura: “Struttura deteriorata”

Vi sono delle divergenze di vedute tra i vari periti che stanno valutando lo stato della pila numero 8. Quelli nominati dalla Procura ritengono che vi sia del calcestruzzo deteriorato, delle gravi lesioni sulle travi tampone e sui cassoni e sostegni. Per i periti della Procura anche le selle Gerber, le cerniere dove si appoggiano le travi dei tamponi “appaiono fortemente degradate“, con pezzi di calcestruzzo distaccati e ferri corrosi.

Secondo Aspi non vi è nessuna condizione anomala

Di altra opinione i tecnici dell’Aspi che in una nota spiega che “contrariamente a quanto emerge i riscontri effettuati durante i sopralluoghi tecnici di questi giorni non evidenziano alcuna evoluzione anomala delle condizioni del viadotto e nessun segno di degrado tale da influenzare la tenuta statica della struttura, incluse le selle Gerber“.

Le attività ispettive, a cui stanno prendendo parte anche gli uomini della polizia scientifica, continueranno su altre parti della struttura del ponte. Sulle travi su cui sono stati fatti interventi sarà valutato lo stato di conservazione. Per Aspi “anche i calcestruzzi mostrano uno stato di carbonatazione che non può essere ritenuto in alcun modo allarmante“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui