Meloni a Pomeriggio Cinque su Renzi: “Denunciammo che qualcosa non andava”. Il Video

1
261
Meloni su Renzi qualcosa non andava

Giorgia Meloni, Presidente di Fratelli d’Italia, è intervenuta ospite da Barbara D’Urso a Pomeriggio 5, su Renzi ricorda “denunciammo che qualcosa non andava. Sulla politica immigratoria di Salvini: “È lacunosa”. Sul caso Diciotti: “meno manfrine dal M5S”.

Meloni: “Avevamo denunciato Renzi quando era famoso”

Sugli arresti domiciliari dei genitori di Matteo Renzi, accusati anche di bancarotta fraudolenta, Giorgia Meloni ha detto: “Noi avevamo denunciato quando Renzi era famoso, che qualcosa non andava, di poco chiaro, nelle gestioni della sua famiglia. Vi erano dei mutui e contratti che poi si erano fatti pagare con i soldi dei cittadini. Ora è entrata la magistratura che farà chiarezza“.

Meloni: “Era scontato si votasse così. Era meglio evitare manfrine”

Sul caso Diciotti, il presidente di Fratelli d’Italia ha spiegato che: “Era scontato che la Giunta votasse conto l’autorizzazione a procedere per Salvini, come era scontato che lo facessero i 5Stelle, che si potevano evitare tutte queste manfrine. Non era giusto processarlo per aver fatto il suo lavoro. Veniva indagato perché Salvini impediva che qualcuno entrasse illegalmente in Italia. Non capisco perché i giudici non abbiano indagato, negli anni passati dei ministri facevano apertamente favoreggiamento all’immigrazione clandestina. Salvini su quello che è accaduto per il caso Diciotti dovrebbe riflettere se continuare a governare con il M5s visto che non si hanno condivisioni politiche“.

Politica immigratoria di Salvini lacunosa

Io ritengo che nella politica sull’immigrazione di Salvini mancano alcune cose. Intanto la chiusura dei Porti non risolve il problema. Tanto che alla fine stanno continuando a sbarcare tutti in Italia. L’unico modo per impedire gli sbarchi è impedire a quei barconi di partire. Quindi per primo bisogna istituire un blocco navale nelle coste della Libia. Per secondo gli immigrati clandestini che arrivano in Italia devono essere trattenuti in centri e sorvegliati. Non possono andare a zonzo, come accade da noi, dalla mattina alla sera. Quello che accade è noi siamo stati tanto accoglienti e ci ritroviamo la mafia nigeriana che imperversa in tutte le città italiane. Io non ne posso più di farmi fare queste lezioni di accoglienza da Saviano che è tutto antimafia ma che sulla mafia nigeriana non dice una parola e ci fa lezione dal suo attico a Manhattan, da Fabio Fazio che guadagna 4 milioni di euro l’anno. Poi la gente gli immigrati c’è li ha nelle periferie e stanno da soli abbandonati come i cani“.

L’immigrazione secondo Meloni

Meloni ha poi continuato dicendo: “Secondo me pertanto va fatta una politica seria: blocco navale, centri sorvegliati e rimpatri, dove il governo anche qui sta andando un pò a rilento. In Germania quando arriva un immigrato clandestino, non è un rifugiato fino a prova contraria, ma un clandestino fino a prova contraria. Quindi viene trattenuto fino addirittura a 18 mesi. Quello che stiamo facendo noi che dobbiamo essere tanto umani non è accoglienza è essere un pò scemi“.

Sui dispositivi per impedire di dimenticare il bebè in auto

L’ultimo argomento trattato dal presidente Meloni è quello dei seggiolini dimenticati in auto con i bebè. Problema che ha causato tanti morti tra gli infanti. “Dobbiamo fare qualcosa con la politica. Sto portando questa legge che impone alle famiglie con bambini piccoli di dotarsi di dispositivi che impediscono di chiudere la macchina se tuo figlio è a bordo. La legge è passata all’unanimità. Ora si cercano i fondi per le famiglie che non possono permetterselo. Mi piace che noi potremmo essere un’avanguardia. Se riesco a salvare la vita a qualche bambino sarà valso tutti i 25 anni della mia vita politica”.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui