Omicidio Rozzano, il nonno orco ucciso per vendetta aveva fatto altre vittime?

0
200
omicidio rozzano

L’attività investigativa svolta dagli inquirenti sta portando alla luce nuovi importanti dettagli sulle dinamiche dell’omicidio di Rozzano. Antonio Cristiani sarebbe stato dunque un nonno oro e non solo, l’uomo sarebbe stato ucciso per vendetta ma oltre la nipotina avrebbe fatto altre vittime?

Omicidio Rozzano, la vendetta

L’omicidio compiuto a Rozzano ha messo in mostra alcune dinamiche familiari molto particolare. L’assassinio di Antonio Cristiani sarebbe dunque frutto di una vendetta che nemmeno i familiari sarebbero riusciti a evitare. Il sessantatreenne sarebbe stato costretto ad allontanarsi da Rozzano al fine di evitare così ulteriori diatribe, ma a nulla sono serviti gli avvertimenti. Gli inquirenti in questi mesi stavano continuando a indagare sul conto di Cristiani dopo la denuncia che aveva fatto la figlia in merito a degli abusi sessuali che avrebbe ricevuto la nipotina dell’uomo. (Per approfondire Clicca Qui).

Bambina sentita dagli psicologi

Le indagini degli inquirenti erano cominciate lo scorso novembre quando la figlia di Cristiani aveva trovato uno strano messaggio della bambina, al punto di decidere di portarla al San Paolo per fare sentire la piccola da un’equipe di psicologi. Subito dopo i familiari avevano consigliato a Antonio Cristiani di allontanarsi da Milano, tornando a Napoli, al fine di far calmare le acque o al fine di mettere in atto una prefetta vendetta?

Continua dopo la foto

nonno orco rozzano

Antonio Cristiani potrebbe aver fatto altre vittime?

La mattina dell’omicidio la piccola era stata sentita per l’incidente probatorio che sarebbe servito a cristallizzare la testimonianza che sarebbe servita poi durante il processo. In occasione dell’incidente probatorio, inoltre, è emerso anche che il calvario della bambina era cominciato nel 2016. Le dichiarazioni della piccola avrebbero fatto scaturire l’ira di Emanuele Spavone, ex genero di Cristiani, che da tempo forse stava cercando il modo di vendicarsi. A farlo desistere anche il fratello dell’uomo, già noto alla criminalità per via dei suoi precedenti penali, anche se poi a nulla è servito. (Per approfondire Clicca Qui).

Nel corso dell’attività investigativa si sta cercando di far luce sulle dinamiche familiari e non solo, il dubbio è che la figlia di Spavone possa non essere l’unica vittima di Antonio Cristiani.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui