Sequestrati beni a Marchese, imprenditore vicino ai Rinzivillo

0
697
Violenza sessuale centro massaggi como polizia

Dei beni pari a 15 milioni di euro sono stati sequestrati all’imprenditore calatino Rosario Marchese, considerato vicino al clan Rinzivillo.

Sequestrati 15 milioni ad imprenditore

La Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Caltanissetta ha emesso, su proposta del Direttore della Dia, un provvedimento di sequestro di beni per un valore di oltre 15 milioni di euro nei confronti di Rosario Marchese, 31enne di Caltagirone, residente in provincia di Brescia, dove, attualmente, è sottoposto alla misura preventiva della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno.

L’attività investigativa

L’attività investigativa, da cui scaturisce il sequestro, è stata condotta dalla Dia. Era, come spiegato dagli stessi investigatori, “finalizzata alla localizzazione degli illeciti patrimoni riconducibili alle organizzazioni mafiose nel corso della quale veniva individuata la figura di Marchese, soggetto ‘contiguo’ al noto ‘clan Rinzivillo‘, facente capo a Cosa Nostra di Gela e operante sia in Roma che in tutto il territorio nazionale“.

Repentina la ricchezza accumulata in breve tempo

Gli accertamenti “hanno complessivamente messo in evidenza il repentino incremento di ricchezza di Marchese, ritenuto complessivamente ”anomalo” rispetto alla dichiarata posizione reddituale, che è risultata sproporzionata anche in rapporto all’elevato tenore di vita, al consistente patrimonio immobiliare e, soprattutto, alla sua ascesa imprenditoriale concretizzatasi, in brevissimo tempo, con la costituzione, nel nord Italia, di numerose società operanti in molteplici settori commerciali, risultate tutte direttamente o indirettamente a lui riconducibili“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui