Bambino travolto dal carro di Carnevale, l’avvocato della famiglia: “Vogliamo chiarezza”

0
1104
bambino travolto dal carro di carnevale a bologna

Il Carnevale 2019 in Italia è stato anche scenario di una tragedia, un bambino di due anni è stato travolto dal carro dove si trovava insieme alla mamma. Un memento di gioia che ha segnato la morte di un bambino che doveva solo divertirsi insieme alla sua mamma. A intervenire è stato l’avvocato della famiglia che pretende chiarezza!

Bambino travolto dal carro di Carnevale a Bologna

Sono stati due giorni particolari per la faglia del piccolo Gianlorenzo Manchisi, il bambino di due anni travolto dal carro di Carnevale a Bologna. Secondo quanto reso noto dalla stampa nazionale il bambino giorno 4 marzo pomeriggio si trovava inseme alla mamma per le strade delle città, vestito in maschera, ad ammirare i carri di Carnevale. A un certo punto la mamma pare che abbia deciso di salire su uno di questi e seguire così il corteo. La scelta della mamma si è rivelata fatale: il bambino è caduto dal carro dal quale è stato successivamente travolto.

Continua dopo la foto

carro di carnevale bologna

A nulla è servito il trasporto all’ospedale Maggiore, dove è stato anche sottoposto a un intervento chirurgico. Il piccolo Gianlorenzo si è spento nel corso della serata del 6 marzo 2019.

“Vogliamo chiarezza sull’accaduto”

Nel corso della serata di ieri è intervento l’avvocato della famiglia Manchisi, Mauro Nicastro, che come pubblicato da Repubblica.it ha dichiarato: “Vogliamo chiarezza sul sistema che porta i carri di Carnevale in strada, sulle regole per far salire a bordo i bambini, essendo quella una manifestazione per bambini e non essendoci alcun divieto per età“. L’avvocato Nicastro nel suo intervento conclude dicendo: “Certamente nessuno ha detto alla madre: ‘Suo figlio non può salire sul carro’. Cercheremo di capire tutti i passaggi, aspettiamo che vengano esaminati i carri. Vogliamo sapere quali sono le autorità che devono valutare le misure di sicurezza“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui