Caso Sarti, immagini osé e video in casa con politici? Il Garante: “Vietato diffonderle”

0
554
Rimborsi fantasma M5S Sarti lascia commissione Giustizia

Sul caso Sarti, ex presidente della commissione Giustizia della Camera M5s, vi sarebbero immagini riprese da un impianto di video sorveglianza. Il Garante ricorda che è “vietato diffonderle”.

Il caso dei rimborsi elettorali

Esplode il problema della violazione della privacy sul caso di Giulia Sarti inerente ai mancati rimborsi elettorali non restituiti. La vicenda trae origine dall’archiviazione da parte della Procura di Rimini dell’ex fidanzato di Giulia Sarti, Bogdan Tibusce. A lui, l’ex presidente della commissione Giustizia della Camera M5s, aveva attribuito il mancato pagamento di quanto dovuto (Clicca qui per approfondire).

La posizione del Garante della privacy

Secondo quanto riferito da Bogdan a “Le Iene“, nella casa della Sarti vi sarebbe un impianto di video sorveglianza. Alcune immagini registrate da queste apparecchiature sarebbero già nelle mani dei mezzi di informazione. A riferire di questo particolare è stata Lilli Gruber ieri sera durante la trasmissione Otto e Mezzo. Sulla diffusione di tali immagini è intervenuto il Garante che ha richiamato ai propri doveri la classe giornalistica. “Tali regole – ricorda il Garante nella nota – impongono al giornalista di astenersi dal diffondere dati riguardanti la sfera intima di una persona per il solo fatto che si tratti di un personaggio noto o che eserciti funzioni pubbliche, richiedendo invece il pieno rispetto della sua vita privata quando le notizie o i dati non hanno rilievo sul suo ruolo e sulla sua vita pubblica“.

Il giallo delle imagini in casa Sarti tra foto osé e politici

Sul contenuto delle immagini è un giallo. Secondo l’inviato di Mediaset Filippo Roma quello che sta girando “sono due tipi di cose”, dice intervistato ad Un giorno da pecora andato in onda su Rai Radio 1. Per prima delle “vecchie foto dell’onorevole Sarti, a suo tempo rubate dall’hacker, e ora nuovamente in circolo. Magari da qualcuno che le aveva conservate e che ora, visto che si è tornati a parlare dell’argomento, le ha nuovamente distribuite“. Poi continua Roma vi è “un filmato fake, un video con una ragazza dai capelli mori che non c’entra nulla con la Sarti“.

Diverso quello che è stato invece riportato dal sito Dagospia, che parla di un taglio ad hoc del filmato mandato a “Le Iene” di circa un minuto, dove si vedrebbero a casa della Sarti dei personaggi politici. Roma smentisce e parla di tagli tecnici, anche se non esclude vi siano tali tipologie di filmati. Su questo anche Bogdan, come riferito da Roma tende a “giocare sulla difensiva dicendo il meno possibile sull’argomento filmati“.

 

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui