Brindisi, vendeva polizze assicurative false. Denunciato un uomo

0
97

I Carabinieri di San Donaci, provincia di Brindisi, hanno denunciato un uomo che vendeva polizze assicurative false.

Vendeva false assicurazioni

L’uomo, un 36enne originario di Ostuni ma residente Villa Literno, vendeva delle polizze assicurative a prezzi vantaggiosi. Fingendosi agente si faceva pagare il dovuto su delle Poste-pay ricaricabili a lui intestate. Le assicurazioni, però erano fasulle. L’uomo è stato scoperto dai Carabinieri del Comando di San Donaci e denunciato in stato di libertà con l’accusa di truffa. Le indagini sono scaturite dalla denuncia presentata nel luglio scorso da parte di un 31enne del luogo. Questo aveva pagato al truffatore la somma di 370,00€ sulla carta ricaricabile rilasciata dalle poste italiane a fronte di un’assicurazione di un motociclo.

Oltre 30 i truffati

Dalle indagini svolte dai militari dell’arma è emerso che ad essere truffati dal finto agente assicurativo sono stati oltre 30 persone in varie parti del territorio nazionale. Questi avevano creduto di stipulare delle assicurazioni online a prezzi vantaggiosi con varie compagnie. Per questo avevano versato del denaro sulla carta Post-pay del truffatore.

Le raccomandazioni dei Carabinieri del Comando di Brindisi

I Carabinieri del Comando provinciale di Brindisi sottolineano come questa tipologia di truffa è parecchio frequente. Ignari acquirenti sono indotti ad aderire a offerte proposte in vari annunci. Le vendite proposte vanno da elettrodomestici ad assicurazioni, ciclomotori, auto. Non mancano le vendite fasulle di televisori e varie apparecchiature elettroniche, così come case vacanze e servizi. I truffatori dopo aver percepito il denaro diventano irreperibili e non forniscono quanto dovuto ai propri clienti, che in alcuni casi ricevono prodotti scadenti e non conformi a quelli per cui hanno pagato. I militari raccomandano cautela negli acquisti fatti attraverso le piattaforme commerciali e a prezzi invitanti.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui