Imane Fadil, avvocato lascia mandato difensivo

0
991

L’avvocato della famiglia di Imane Fadil, morta giorno 1 marzo in circostanze da chiarire, ha lascia il mandato difensivo per contrasti sulla linea difensiva con la famiglia della modella.

Il legale dei Fadil rinuncia all’incarico

Paolo Sevesi non è più l’avvocato della famiglia di Imane Fadil, test chiave al processo Ruby. I contrasti sulla linea delle indagini con la famiglia della modella di origine marocchina morta giorno 1 marzo in circostanze ancora da chiarire sono all’origine del divorzio professionale del legale. Sevesi, si è presentato dai pm per formalizzare la rinuncia al suo incarico. Sevesi alla notizia che non vi erano nel corpo di Imane delle evidenze di radioattività macroscopiche aveva detto: “E’ meglio per tutti, per Imane e per la sua famiglia. Alla fine vuol dire che in giro c’è un cattivo in meno“. Di tutt’altro avviso invece la famiglia della giovane modella, morta mentre era ricoverata all’Humanitas di Rozzano. Vogliono la verità sul caso.

Le indagini sulla morte

Dalle analisi del sangue erano stati trovati cadmio, cromo e antimonio in quantità al di là del range previsto. Tali concentrazioni dovrebbero essere valutate anche alla luce di un effetto diluizione dovuto a delle trasfusioni di sangue a cui Imane era stata sottoposta nella struttura dove era ricoverata. La procura indaga per avvelenamento, motivo per cui è stata disposta l’autopsia sul corpo della modella. Non è però da escludere come causa della morte una malattia rara.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui