Tamponamento tra due treni provincia di Como, il Ministero: “Si poteva evitare”

1
124
tamponamento tra due treni provincia di Como

Un tamponamento tra due treni in provincia di Como ha causato oltre 50 feriti in modo lieve, 7 i più gravi. Si cercano di capire le dinamiche dell’incidente, per il Ministero “si poteva evitare”. Tamponamento tra due treni provincia di Como

Tamponamento tra due treni provincia di Como: i fatti

Tra Arosio e Merone, nel Comasco, si è verificato ieri alle 18.40 un tamponamento tra due treni, che per fortuna.viaggiavano a bassa velocità, proprio sulla linea Como-Lecco. Subito i Vigili del Fuoco sono intervenuti sul posto per soccorrere i passeggeri. Oltre cinquanta sono i feriti in modo lieve, quelli più gravi, invece, sette.

Il tutto si è verificato presso la stazione di Inverigo: il macchinista del treno 1665, verso Canzo-Asso, è partito.non facendo caso al semaforo rosso e, pur avendo frenato, ha reso inevitabile lo scontro con l’altro treno 1670 che si dirigeva da Erba verso Milano. In seguito all’incidente, si sarebbe verificato anche il deragliamento di alcune carrozze.

Bus sostitutivi e inchiesta interna

Subito Trenord, società che gestisce il servizio, ha aperto un’inchiesta interna e ha provveduto a fornire autobus sostitutivi tra le stazioni di Arosio e Merone. Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha espresso “massima vicinanza e solidarietà ai feriti dell’incidente” e ha aggiunto che si accerteranno le cause e le responsabilità del tamponamento.

Dalle prime ricostruzioni pare che si tratti di un errore umano, è certo, invece, che in quel tratto della linea ferroviaria, gestita da FerrovieNord, non era operativo il sistema di sicurezza SCMT, che avrebbe impedito il tamponamento tra i due treni. Toninelli ha specificato, a tal proposito, in una nota: “Questo incidente riapre dunque il tema dei differenti standard di sicurezza tra le linee controllate da RFI e quelle invece gestite da altri operatori“. Tamponamento tra due treni provincia di Como

Continua dopo la foto

scontro treni

“Siamo caduti tutti in avanti”

Soltanto stamattina la circolazione sulla linea ferroviaria dove si è verificato lo scontro è ricominciata, dopo molte ore di inoperatività. Secondo quanto riporta LaprovinciadiComo.it, una pendolare che viaggiava sul treno al momento dell’impatto ha dichiarato: “Il treno, partito da Inverigo verso Erba, ha frenato dopo pochi istanti e siamo caduti tutti in avanti“.

Raffaele Erba, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, secondo quanto riporta Tgcom24.it ha aggiunto: “La sicurezza dei pendolari deve essere la priorità che ci dobbiamo dare perché sono ancora molti i margini di miglioramento dei trasporti. La stessa priorità dovrà essere assunta anche da chi governa Regione Lombardia“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui