Gilet gialli qualche scontro a Bordeaux

0
272
gilet gialli bloccati depositi di carburanti

Durante la manifestazione dei gilet gialli qualche scontro è avvenuto a Bordeaux  che il sindaco Nicolas Florian aveva dichiarato “città morta”. Alle 15.30 il primo atto di violenza. A Parigi invece 1800 manifestanti, in netto calo.

Bordeaux città morta

Il sindaco di Bordeaux, Nicolas Florian, temeva “un giorno apocalittico” nella sua città. Ha chiamato venerdì i suoi concittadini chiedendogli restare a casa i commercianti per restare chiusi. Aveva infatti dichiarato Bordeax “città morta”.

Inizio pacifico

Una dichiarazione della prefettura della Gironda temeva infatti la presenza di manifestanti violenti e armati. Migliaia di persone si sono riunite sabato a mezzogiorno sulle rive della Garonna, pacificamente. Sono presenti due figure di “gilet gialli”, Eric Drouet e Jerome Rodriguez. Partirono nel primo pomeriggio di Place de la Bourse per un corteo, che era però stato vietato, in città.

Alle 15.50 prime violenze

La prima violenza è scoppiata nella città di Girondine dalle 15:30.  secondo quanto riportato da Le Figarò Uomini incappucciati hanno attaccato una vetrina con le sbarre di ferro. Le attrezzature per l’edilizia e i tubi di gomma sono stati dati alle fiamme. La polizia ha effettuato diversi fermi mentre i manifestanti hanno lanciato vari proiettili. Nel tardo pomeriggio, al  corteo diversi  black block si mescolavano, la manifestazione veniva divisa in piccoli gruppi che hanno cercato di raggrupparsi in un posto vicino al centro.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui