Genova, neonato muore dopo circoncisione fatta in casa: mamma e nonna in Questura

0
159
neonato muore dopo circoncisione
Fonte Foto: ilmessaggero.it

La cronaca di oggi ci riporta la notizia di un neonato che muore dopo una circoncisione fatta in casa. Al momento, la mamma del piccolo e la nonna si trovano in Questura per essere interrogate.

Neonato muore dopo circoncisione

A Quezzi, in provincia di Genova, si è consumata la tragedia nella notte. Un neonato di appena poche settimane di vita è deceduto dopo una circoncisione fatta a casa. La madre, di 25 anni, e la nonna, di nazionalità nigeriana, hanno chiamato il 118 per tentare di salvargli la vita, ma non c’è stato nulla da fare dato che i sanitari, giunti sul posto, hanno soltanto potuto constatarne il decesso, avvertendo la Polizia.

Mamma e nonna in Questura

La mamma e la nonna del neonato morto dopo una circoncisione sono in Questura per essere interrogate affinché gli agenti possano ricostruire il fatto in toto. Si sospetta, secondo le prime ricostruzioni, che a praticare il tutto sia stata una terza persona. I cellulari delle due donne sono stati presi in carico dalla Polizia per controllarli.

Il sostituto procuratore Daniela Pischetola, coordinatrice delle indagini, dichiara che potrebbe trattarsi di omicidio preterintenzionale.

Continua dopo la foto

muore a genova neonato
Fonte Foto: retenews24.it

Un altro caso a Reggio Emilia

In precedenza, anche a Reggio Emilia si è verificato un episodio di un neonato di 5 mesi che muore dopo una circoncisione fatta a casa. Sulla vicenda, in quel caso, sono stati indagati il padre e la madre.

Proprio Giulia Grillo, ministro della Salute, aveva detto su Facebook: “Un altro bimbo morto per una circoncisione rituale fatta in casa in modo illegale. La circoncisione è un’operazione chirurgica e va fatta rispettando le norme igienico-sanitarie. La salute e la vita dei bambini vengono prima di tutto. Esistono dei protocolli e medici che possono aiutare le famiglie a fare le cose come devono essere fatte. Non fatelo in casa, non rischiate!“.

In più, il sindaco di Scandiano, Alessio Mammi, ha dichiarato a seguito della circoncisione del piccolo di 5 mesi: “È un fatto gravissimo e auspico che i responsabili paghino severamente di fronte alla legge per questo atto inaudito“.

E ancora: “È naturalmente gravissimo che questo accada nel 2019, è preoccupante che ci siano ancora individui che praticano queste attività rituali, di carattere molto antico, che portano a rischiare la vita di bambini così piccoli, soprattutto considerando che abbiamo una rete di servizi territoriali molto capillari che consentono di fare simili interventi in sicurezza e nelle fasi di vita più adeguate per i bambini”.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui