Fials e Unsa: “La flat tax è incostituzionale”

0
540
Flat tax incostituzionale Fials Unsa

Secondo i sindacati Fials e Unsa la Flat tax è incostituzionale poiché vi sarebbe una disparità di trattamento tra dipendenti ed autonomi.

Disparità inaccettabile

Una disparità inaccettabile“: è così che già nel mese di febbraio i Segretari Generali di FIALS ed UNSA (entrambe aderenti CONFSAL) Giuseppe Carbone e Massimo Battaglia, hanno sottolineato la possibile incostituzionalità della “flat tax, che introduce una aliquota fissa per i liberi professionisti: “una evidente disparità di trattamento tra chi, da dipendente pubblico o privato, paga le tasse sul proprio reddito, chi al 24%, al 27% o al 38%, e chi – in virtù della flat tax – pagherebbe, fino a 65 mila euro di reddito, solo il 15%“, hanno sottolineato.

Ed ecco quindi i ricorsi, raccolti a titolo gratuito ed indipendentemente dall’iscrizione al sindacato. A Catania e provincia si sono mossi i Segretari Provinciali delle due sigle, Agata Consoli (FIALS) e Bernardo Capodicasa (UNSA) con punti di raccolta su tutto il territorio.

Ampia adesione nella raccolta dei ricorsi

Ampia l’adesione dei lavoratori, come ad esempio nelle aziende sanitarie, dove gli aderenti FIALS si sono prestati a coadiuvare la raccolta dei ricorsi, gestendo gli ampi flussi e la ricezione della documentazione necessaria. Un’iniziativa che raccoglie ampi consensi sia sotto il profilo etico, per evitare che si coltivino divisioni nel Paese, che sotto quello economico: in caso di accoglimento dei ricorsi e conseguente applicazione dell’aliquota al 15%, si otterrebbe «un risparmio medio mensile pro-capite da EUR 150,00 a EUR 200,00», come hanno sottolineato Consoli e Capodicasa.

L’apertura del governo per allargare la flat tax anche ai dipendenti

Un’azione legale che, sostenuta da realtà come la FIALS (sindacato sanità) ed UNSA (sindacato organi di giustizia e di governo) e supportata dal parere di rinomati giuristi, sta facendo molto discutere: tant’è vero che, nel frattempo, è giunto anche un segnale dal governo, con i primi propositi di allargare la flat tax ai lavoratori dipendenti sulla base del reddito familiare.

Ciò, ovviamente, non ferma l’azione di FIALS ed UNSA, che già in questo senso si è mossa non solo sul profilo della dialettica, bensì, come detto, in senso pratico, con ricorsi che stanno ottenendo un largo sostegno da parte dei lavoratori e che potrebbero garantire loro equità e risparmio.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui