Operazione anti ‘ndrangheta: 31 arresti in diverse province italiane da Nord a Sud

0
610
Violenza sessuale centro massaggi como polizia

La cronaca nazionale ci riporta la notizia di un’operazione anti ‘ndrangheta effettuata dalla Polizia. Ben 31 sono stati gli arresti in tante province italiane, coinvolgendo il Bel Paese da Nord a Sud.

Operazione anti ‘ndrangheta

Oltre 200 agenti della Polizia sono stati impegnati in una maxi operazione anti ‘ndrangheta, denominata ‘Rimpiazzo’, e i risultati sono stati notevoli: si tratta di 31 arresti che hanno coinvolto diverse province italiane. La cosca colpita nell’operazione suddetta è quella cosiddetta dei ‘piscopisani’, perché la base operativa si trova a Piscopio, frazione di Vibo Valentia.

In particolar modo, si sono concentrati a Vibo Valentia, Reggio Calabria, Palermo, Roma, Bologna, L’Aquila, Prato, Livorno, Alessandria, Brescia, Nuoro, Milano, Udine. La Polizia di Stato di Vibo Valentia, coadiuvata dalla Questura di Catanzaro e dal Servizio Centrale Operativo, ha condotto l’indagine. In più, la Procura distrettuale antimafia di Catanzaro ha fornito il suo prezioso contributo.

31 arresti: i nomi

Qui di seguito i nomi dei 31 soggetti arrestati nell’ambito dell’operazione anti ‘ndrangheta:

  • Michele Fiorillo, 33 anni, detto ‘Zarrillo’, di Piscopio;
  • Benito La Bella, 31 anni, di Piscopio;
  • Nicola Barba, detto “Cola”, 67 anni, di Vibo Valentia, residente a Bivona;
  • Giuseppe Salvatore Galati, 55 anni, di Piscopio;
  • Salvatore Vita, 44 anni, di Vibo Marina;
  • Rosario Battaglia, 35 anni, uno dei vertici del locale di Piscopio;
  • Nazzareno Colace, 55 anni, di Portosalvo;
  • Angelo David, 36 anni, di Piscopio;
  • Ippolito Fortuna, 59 anni, di Vibo Marina;
  • Francesco Tassone, 42 anni, residente a Vibo;
  • Giovanni Battaglia, 36 anni, di Piscopio;
  • Francesco D’Ascoli, 48 anni, di Piscopio;
  • Stefano Farfaglia, 36 anni, di Piscopio;
  • Francesco Felice, 26 anni, di Piscopio;
  • Nazzareno Fiorillo, 54 anni, detto ‘U Tartaru’, di Piscopio;
  • Rosario Fiorillo, 30 anni, detto ‘Pulcino’, di Piscopio;
  • Francesco Fortuna, 25 anni, di Vibo Marina;
  • Maria Concetta Fortuna, 61 anni, di Piscopio;
  • Sacha Fortuna, 40 anni, di Vibo, residente nel Bolognese;
  • Nazzareno Fortuna, 30 anni, di Piscopio;
  • Giovanni Giardina, 41 anni;
  • Francesco La Bella, 46 anni, di Piscopio;
  • Mario Lo Iacono, 38 anni;
  • Cosmo Michele Mancuso, 70 anni, di Limbadi;
  • Pantaleone Mancuso, 58 anni, detto ‘Scarpuni’, di Limbadi, residente a Nicotera Marina;
  • Nazzareno Pannace, 30 anni;
  • Francesco Popillo, 34 anni;
  • Francesco Romano, 33 anni;
  • Gaetano Rubino, 39 anni;
  • Pierluigi Sorrentino, 29 anni;
  • Michele Staropoli, 53 anni.

Continua dopo la foto

arresto carabinieri

Le accuse contestate ai soggetti

I soggetti arrestati hanno commesso reati di varia natura. Tra le accuse contestate si ricorda quella di associazione per delinquere di tipo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione, danneggiamento e rapina, aggravati dal metodo mafioso. E ancora, detenzione e porto illegale di armi ed esplosivi, lesioni pluriaggravate, intestazione fittizia di beni e traffico e spaccio di stupefacenti.

Il commento del Ministro Matteo Salvini

Inoltre, anche il Ministro dell’Interno Matteo Salvini, alla luce dell’operazione anti ‘ndrangheta, secondo quanto riporta Ilrestodelcarlino.it, ha voluto dire la sua: “Grazie alle nostre forze dell’ordine e agli inquirenti. Operazioni di questo tipo mandano un segnale preciso ai clan: c’è tolleranza zero, lo Stato è più forte di voi”.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui