Prato, insegnate ha un figlio da un ragazzo di 14 anni: “In cura da uno psichiatra”

0
110
prato insegnante ha relazione con alunno di 14 anni

Nuovi aggiornamenti circa la vicenda di Prato che vede come imputata un’insegnante che ha avuto un figlio da una relazione con un ragazzo di 14 anni. A intervenire sulla questione gli avvocati della donna.

Prato, insegnante ha un figlio da un ragazzo di 14 anni

Il caso di Prato relativo a un insegnante che ha avuto un figlio da un ragazzo di 14 anni ha scosso l’opinione pubblica. La donna in questione attualmente ha 35 anni e il suo vero lavoro è quello di infermiera, nel tempo libero dava ripetizioni di inglese ai ragazzi delle scuole medie.

La relazione tra la donna e il ragazzo era cominciata quando questo aveva da poco compiuto 12 anni ed è continuata nel tempo. I rapporti sarebbero avvenuti quando i genitori del minore non si trovavano in casa. Durante lo scorso autunno da questa relazione è nato un bambino che la donna, secondo la Procura di Prato, avrebbe usato per mantenere il contatto con il minore. Ad oggi l’insegnante è accusata di atti sessuali con minore. Iscritto nel registro degli indagati anche il marito per ‘alterazione di stato’, un reato che si applica a chi altera lo stato civile di un neonato.

continua dopo la foto

neonato muore dopo circoncisione
Fonte Foto: ilmessaggero.it

“Moglie e marito hanno deciso di vivere separati”

A intervenite sulla questione sono stati gli avvocati della donna,  Mattia Alfano e Massimo Nistri, che secondo quanto reso noto da LaNazione.it hanno dichiarato: “La nostra assistita ha iniziato un percorso da un esperto che la deve affiancare, uno psichiatra, inoltre ha necessità di seguire il figlio più piccolo che ha pochi mesi, in modo completo, non solo in casa ma anche all’esterno“.

Successivamente hanno spiegato che non vi sarebbe stato nessun accesso ai siti pedopornograci: “La signora non ha più avuto e non ha più cercato contatti con il ragazzo da quando ha avuto contezza del procedimento in corso- hanno affermato Alfano e Nistri-. Ci risultano tre visite a siti pornografici dove è chiaramente specificato che le persone presenti nei filmati sono maggiori di 18 anni“.

I penalisti Nistri e Alfano hanno concluso spiegando anche: “Moglie e marito hanno deciso di vivere momentaneamente separati per permettere alla signora di iniziare un processo interiore di riflessione e di affrontare nel miglior modo quello che sarà il percorso terapeutico da uno psichiatra che il tribunale ci consentirà di poter seguire. Su parere di esperti – hanno concluso gli avvocati – è stata consigliata una separazione momentanea che dia alla donna la possibilità di riflettere e di vivere con più tranquillità queste fase“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui