Strage di Erba, svolta shock Azouz chiede la revisione della sentenza: “So chi è stato”

0
689
Strage di Erba

La strage di Erba, avvenuta nel lontano 2006 aveva sconvolto l’Italia per la sua efferatezza e brutalità. Quel drammatico 11 dicembre vennero uccisi a colpi di sbranca e un coltello Raffaella Castagna, il figlio Youssef Marzouk, la madre Paola Galli e la vicina di casa Valeria Cherubini con il suo cane. E se a compiere il delitto non fossero stati Olindo Romano e Rosa Bazzi come abbiamo sempre saputo? Svolta nell’omicidio, Azouz chiede la revisione della sentenza.

Strage di Erba, Olindo e Rosa sono innocenti?

Il caso era stato trattato precedentemente anche dal programma Le Iene, quando uno dei loro inviati avevano raggiunto Olino Romano in carcere. L’uomo ha raccontato davanti le telecamere di non essere l’autore materiale di quel delitto e che, quindi sarebbe stato incastrato. Nel corso di questi mesi le indagini sono andate avanti e a sostenere la tesi che la coppia possa essere innocente è Azouz Marzouk che ha chiesto addirittura una revisione della sentenza. Dunque ci troviamo davvero davanti un gravissimo errore giudiziario?

continua dopo la foto

strage di erba luogo del delitto

Azuouz chiede la revisione della sentenza

Azouz Marzouk, attraverso il suo avvocato Luca D’Auria, come reso noto dal sito RaiNews 24 ha fatto sapere che stanno lavorando alla raccolta delle prove per chiedere una revisione della sentenza. In occasione in un’intervista rilasciata a Telelombardia ha dichiarato:”Adesso so chi ha ucciso mia moglie e mio figlio. È una persona che conosco, Rosa e Olindo non c’entrano. Sono convinto che esiste un’altra storia. E anche le carte dicono chi è stato. Se leggete le carte si capisce chi è stato. La pista della ‘ndrangheta non c’entra niente, quella è una teoria che loro hanno voluto tirare fuori“.

continua dopo la foto

olindo e rosa

“Parecchie cose non sono state fatte”

Azouz Marzuok ha successivamente spiegato che quando detto è comunque frutto di una sua idea sulla quale vuole comunque far luce. Nel corso dell’intervista ha successivamente spiegato: “Questa cosa l’ho detta al mio avvocato. Parecchie cose non sono state fatte. Per esempio le indagini che dovevano essere fatte con tutti quanti… Le intercettazioni… Le telecamere che non ci sono, che non hanno preso, le telecamere che ci sono nelle vie… Dove c’è la banca di Roma e dove c’è l’altra via. Ci sono tutte telecamere lì vicino alla piazza. Non ne hanno neanche tirata fuori una. Tutti questi elementi non vi fanno pensare a nulla? A me confermano la mia tesi. La mia tesi è che so chi è andato… Chi è… So chi ha interesse ad ammazzare mio figlio e mia moglie”.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui