Grosseto, espulso imam. È accusato di proselitismo per l’Isis

1
179

L’imam di Grosseto, Zejnullah Sadiki,  già noto alle forze dell’ordine è accusato di proselitismo per l’Isis e quindi domani sarà espulso dall’Italia.

Espulso l’imam di Grosseto

L’imam di Grosseto, accusato di proselitismo per l’Isis, è stato prelevato dalla sezione antiterrorismo della Digos e accompagnato al Cie di Torino, domani verrà espulso dall’Italia. Di origini albanesi Zejnullah Sadiki, era già noto alle forze dell’ordine. Nel 2015, infatti, in provincia di Grosseto fu scoperta una cellula jihaidista. Da questa scoperta emerse che Sadiki aveva soggiornato insieme a Maria Giulia Sergio, alias Fatima, la prima foreign fighter italiana che poi partì per la Siria per arruolarsi con l’Isis.

Imam su Facebook: “Tornerò”

La notizia del suo allontanamento dall’Italia è stata data dallo stesso imam, in un post sulla sua pagina Facebook: “Sono stato prelevato perché sono una persona pericolosa per lo stato italiano in quanto imam sempre più radicale, e perché frequento molti centri islamici. Ma se c’è ancora giustizia nello stato italiano tornerò“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui