Dopo l’Ajax ecco come la Juve paga Ronaldo. In Borsa il titolo ha perso oltre il 26%

0
367
Juve Sassuolo Ronaldo

Nemmeno la vittoria dell’ottavo scudetto consecutivo ferma il crollo del titolo Juve, che in pratica paga Ronaldo in Borsa.

Nemmeno l’ottavo scudetto ferma le vendite

Con la conquista dell’ottavo scudetto di fila la Juve ha fatto di certo la storia del calcio italiano. Nessuno mai era riuscito a compiere una tale impresa e anche con il minimo sforzo. Senza avversari in campo nazionale, la Vecchia Signora stenta e non poco in campo europeo e anche tra i titoli del paniere principale di Piazza Affari, cedendo dal massimo raggiunto il 26,2%.

Il dopo Ajax è lacrime e sangue in Borsa

Lunedì 15 aprile il titolo Juve fa segnare il valore di 1,7060, battendo il record in chiusura di 1,67160 del 18 settembre 2019 (Il giorno dopo il titolo raggiunse in intraday quota 1,8139 per poi chiudere a 1,5776 ndr.). Martedì 16 aprile, il giorno di Ajax Juve, cominciano le vendite, di poco conto, soprattutto di coloro che già avevano consolidato profitti e che in vista del match di ritorno volevano evitare il rischio. Il titolo perde 1,1%, poca roba per un prodotto finanziario la cui volatilità intraday (variazioni di prezzo all’ interno della giornata di contrattazione Ndr.), è in parecchi casi abbastanza sostenuta.

Continua dopo la foto

Grafico Juventus Fc 23 aprile 2019 Credits:Advfn.com

 

La Juve “paga” in Borsa Ronaldo

Il giorno dopo l’eliminazione il crollo è netto, e chi sperava nella vittoria dello scudetto per vedere rialzare il prezzo è stato deluso. Ronaldo, che per molti, si è comprato da solo con la vendita di gadget e di valorizzazione d’immagine del brand Juve, viene pagato in Borsa, dove il titolo fa molto peggio dell’indice italiano, che nello stesso periodo (dal 15 aprile ad oggi ndr.) è praticamente invariato.

I supporti e  le resistenze

Non è un ribasso da record, infatti, dal massimo di 1,6716 il titolo scese fino a 0,9135, valore raggiunto il 26 ottobre del 2018. Questo fino ad oggi rimane record come ampiezza di un movimento a ribasso del titolo. I supporti dopo quello rotto in volatilità oggi di 1,25, (il titolo ha fatto segnare come minimo intraday 1,2478) sono nelle zone di 1,20, 1,16 e 1,09. Le resistenze maggiori le troviamo a 1,41 e 1,50.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui